Associazione dei Ginecologi Italiani:
ospedalieri, del territorio e liberi professionisti

slider_medici.jpg
topbanner2b.jpg
topbanner3d.jpg

Notiziario

  

2017

Informazioni sulla testata

Direttore editoriale
Carlo Sbiroli

Direttore responsabile
Cesare Fassari

Redazione
Arianna Alberti

Editore
Aogoi © 2017

Responsabile per AOGOI
Carlo Maria Stigliano

Editoriale di apertura

Nasce Aogoi letter. Ogni venerdì sulla tua mail tutte le notizie utili per la tua professione

Siamo lieti di presentarvi il primo numero di Aogoi letter, la newsletter che sarà inviata a tutti i ginecologi italiani con cadenza settimanale. Con questa nuova  iniziativa l’Aogoi si propone di offrire a tutti i colleghi, soci e non, uno strumento informativo agile, capace di raccogliere e soprattutto di selezionare tra la miriade di notizie e di informazioni veicolate ogni giorno dai media quelle di maggior interesse per la nostra professione.

Oltre all’attualità e alla politica sanitaria, Aogoi letter darà ampio spazio alle news di scienza, con focus sulla ginecologia e la salute materno infantile, e cercherà di animare (e possibilmente arricchire), con commenti e interviste ai vari stakeholder, il dibattito sui principali temi della salute femminile.

Ogni venerdì sul vostro computer, Aogoi letter vi terrà aggiornati sulle numerose iniziative organizzate e patrocinate dalla nostra Associazione e sui principali eventi che ruotano intorno al Pianeta Donna, cercando di seguire con occhio attento quanto accade nel panorama della ginecologia italiana e internazionale.

Strada facendo, con il vostro aiuto, cercheremo di dare sempre maggiore visibilità alle numerose iniziative promosse dell’Aogoi, con report e approfondimenti sui nostri congressi regionali, sulle iniziative di formazione e ricerca, sugli studi e le linee guida in ambito ostetrico e ginecologico elaborate sotto l’egida della Fondazione Confalonieri Ragonese, sull’attività del nostro Ufficio Legale Nazionale e sulla rete “Tutela e Prevenzione” in ambito medico legale e assicurativo che la nostra Associazione ha messo in campo con lo “Scudo Giudiziario Aogoi”.

Uno degli obiettivi che ci siamo posti con questa newsletter è quello di stabilire un rapporto più diretto e più agile con i nostri soci e più in generale con la più ampia platea di colleghi e professionisti che si occupano della salute femminile e neonatale. Nel solco di quella cultura multidisciplinare e interprofessionale che ormai connota la professione medica.

Con Aogoi letter, nuovo nato nell’editoria dell’Aogoi, vogliamo sperimentare un nuovo modo di raccontare e di raccontarci. Speriamo di riuscirci, superando indenni le eventuali defaillance della fase di rodaggio.

L’invito che rivolgo a tutti voi è di sfruttare al meglio le potenzialità di questo formidabile canale di informazione. Per farlo, seguiteci e scriveteci. Inviateci i vostri commenti e le vostre analisi per arricchire le nostre rubriche.

 

Il Direttore Editoriale                                                     Il Direttore Responsabile
Carlo Sbiroli                                                                   Cesare Fassari

Il Responsabile per AOGOI
Carlo Maria Stigliano  

 

 

Responsabilità medica. I tribunali nel caos. Come conciliare la legge Balduzzi con la nuova legge Gelli? Sui dubbi interpretativi atteso parere delle sezioni riunite della Cassazione

Responsabilità medica. I tribunali nel caos. Come conciliare la legge Balduzzi con la nuova legge Gelli? Sui dubbi interpretativi atteso parere delle sezioni riunite della Cassazione

16 novembre - La questione è stata sollevata d’ufficio dal presidente della IV Sezione penale della Cassazione che ha scritto al presidente della Corte chiedendo l’espressione delle sezioni riunite e verrà trattata nell’udienza del 21 dicembre.

Cassazione: la colpa del medico non va provata dal paziente, semmai è il professionista che deve dimostrare di aver agito con diligenza

Cassazione: la colpa del medico non va provata dal paziente, semmai è il professionista che deve dimostrare di aver agito con diligenza

16 novembre - La Corte ha confermato il giudizio della Corte d'appello che aveva condannato un dermatologo a risarcire i familiari di un paziente, poi deceduto, al quale non era stata fatta un'adeguata diagnosi. 

Cassazione. Ritardo nella diagnosi non è accettabile nemmeno se la malattia è incurabile. Condannato un medico per omicidio colposo

Cassazione. Ritardo nella diagnosi non è accettabile nemmeno se la malattia è incurabile. Condannato un medico per omicidio colposo

16 novembre - Anche prolungare la vita di settimane o di anni grazie a una diagnosi tempestiva è un elemento da prendere in considerazione per la valutazione della responsabilità medica e per questo la Corte di Cassazione ha annullato la sentenza della Corte di Appello che scagionava il medico accusato di non aver diagnosticato per tempo una gravissima forma tumorale.

Era nato con una grave lesione, Cassazione “assolve” dal pagamento dei danni ospedale pubblico. La responsabilità va riferita al ginecologo privato che seguiva la paziente

Era nato con una grave lesione, Cassazione “assolve” dal pagamento dei danni ospedale pubblico. La responsabilità va riferita al ginecologo privato che seguiva la paziente

16 novembre - "Deve essere escluso che un ospedale pubblico possa rispondere dell'errore commesso da un medico libero professionista che ha trascurato interventi diagnostici precedenti il parto, solo perché nella struttura erano stati eseguiti in passato vari accertamenti". Lo ha stabilito la Cassazione, Sezione lavoro, con la sentenza 26518/2017.

Franco Marincolo eletto nel consiglio direttivo nazionale del Collegio dei Chirurghi

Franco Marincolo eletto nel consiglio direttivo nazionale del Collegio dei Chirurghi

Franco Marincolo, primario ostetrico-ginecologo dell'ospedale di Corigliano Calabro, è stato eletto nel consiglio direttivo nazionale del Collegio dei Chirurghi su indicazione dell'Aogoi. Le sue riconosciute doti di esperienza e competenza rafforzeranno l'apporto che l'Aogoi già offre allo sviluppo dell'attività di aggiornamento scientifico dei medici-chirurghi e al miglioramento dei rapporti tra sanitari e cittadini nell'interesse di un rafforzamento dell'alleanza terapeutica tra medico e paziente.

Medici e dirigenti sanitari in stato di agitazione: “Più risorse a sanità pubblica e contratto”

Medici e dirigenti sanitari in stato di agitazione: “Più risorse a sanità pubblica e contratto”

16 novembre - Da lunedì 20 novembre inizierà il rispetto assoluto dell'orario previsto dal contratto. Il 23 e 24 novembre organizzate assemblee di due ore nelle Aziende sanitarie sul contratto di lavoro e sui fondi contrattuali. Il 30 novembre ci sarà a Roma una riunione degli Esecutivi nazionali delle organizzazioni sindacali per spiegare le ragioni di una o più giornate di sciopero nazionale che si terranno nel periodo compreso tra dicembre 2017 e febbraio 2018. 

Al Pronto soccorso la violenza sessuale è la seconda causa di accesso per le donne. Allarme anche per le bambine: il 17,9% di quelle che arrivano al PS è vittima di aggressione sessuale. I dati Iss/Galliera

Al Pronto soccorso la violenza sessuale è la seconda causa di accesso per le donne. Allarme anche per le bambine: il 17,9% di quelle che arrivano al PS è vittima di aggressione sessuale. I dati Iss/Galliera

16 novembre - Le donne vittime di violenza in età fertile, tra i 15 e 49 anni, in più del 35% dei casi, sono aggredite dal coniuge o dal partner sentimentale. Nei maschi la stessa casistica si attesta al di sotto del 10%. Tra quelle gravemente abusate più dei due terzi accusano sintomi di stress da disordine post-traumatico a tre mesi dalla violenza. Presentati oggi al ministero della Salute i dati del progetto Revamp, coordinati dalla sorveglianza Siniaca-Idb dell’Istituto Superiore di Sanità e dall’Ospedale Galliera di Genova. 

Giornata Mondiale Prematurità. In Italia 32mila i nati pretermine nel 2016. I neonatologi: “Serve un’assistenza individualizzata”

Giornata Mondiale Prematurità. In Italia 32mila i nati pretermine nel 2016. I neonatologi: “Serve un’assistenza individualizzata”

16 novembre - I prematuri non sono tutti uguali e hanno bisogno di un’assistenza tanto maggiore quanto più bassa è la loro età gestazionale, con un approccio individualizzato delle cure, più o meno impegnative a seconda dei casi. Occorre quindi diminuire il numero di punti nascita a favore di quelli di più grandi dimensioni per aumentare gli standard di sicurezza e riorganizzare la rete. 

Riforma ordini. Medici, farmacisti e veterinari bocciano il ddl Lorenzin: “Il testo della Camera è irricevibile”

Riforma ordini. Medici, farmacisti e veterinari bocciano il ddl Lorenzin: “Il testo della Camera è irricevibile”

16 novembre - Riunione straordinaria comune dei Comitati Centrali di Fnomceo, Fofi e Fnovi sabato scorso a Roma. Per le tre Federazioni professionali il testo del Ddl Lorenzin come ratificato dalla Camera “non rappresenta lo strumento idoneo al rinnovamento delle professioni già ordinate e alla configurazione in Ordini di professioni sanitarie non ancora ordinate. Non affronta il cuore delle questioni, e non propone per gli Ordini un ruolo nuovo e moderno”. Costituito un Comitato di Coordinamento permanente aperto a tutte le professioni sanitarie. 

Ipertensione. Ecco le nuove linee guida americane (AHA/ACC): scendono soglie minime di allerta

Ipertensione. Ecco le nuove linee guida americane (AHA/ACC): scendono soglie minime di allerta

16 novembre - Arriva dopo 14 anni la tanto attesa revisione del JNC7, le linee guida per l’ipertensione delle società scientifiche di cardiologia americane, che abbassa la soglia di normalità a valori inferiori a 120/80 mmHg. Secondo questi nuovi criteri, quasi un americano su 2 rientrerà nella categoria degli ipertesi. Promosse le misurazioni casalinghe della pressione per rivelare ipertensione da camice bianco e ipertensione mascherata. Raccomandata la terapia di associazione di più principi attivi in un’unica pillola per favorire la compliance. 

Scuole specializzazione medicina: ecco l’elenco di quelle promosse, promosse con riserva e bocciate. Niente accreditamento a 130 scuole

Scuole specializzazione medicina: ecco l’elenco di quelle promosse, promosse con riserva e bocciate. Niente accreditamento a 130 scuole

16 novembre - Su 1.433 scuole, 130 (il 9% del totale) risultano non accreditate, 629 accreditate provvisoriamente e le restanti 672 accreditate a tutti gli effetti. Tra le non accreditate la Regione che ne conta di più è la Lombardia con 32 scuole non accreditate, seguita dalla Puglia con 19 e dalla Sicilia con 11. Ne hanno una sola non accreditata Calabria, Friuli Venezia Giulia, Molise e Umbria. 

Italiani tra i primi per aspettativa di vita, accesso alle cure e stili di vita. Ma spendiamo 600 dollari in meno a testa rispetto alla media. Il nuovo Rapporto Ocse

Italiani tra i primi per aspettativa di vita, accesso alle cure e stili di vita. Ma spendiamo 600 dollari in meno a testa rispetto alla media. Il nuovo Rapporto Ocse

16 novembre - L’Ocse nel suo rapporto sulla salute 2017 (Health at Glance) appena pubblicato ridimensiona anche i dati sul mancato accesso alle cure per motivi economici: sarebbe solo il 4,8% della popolazione italiana che si traducono in 2,8 milioni di cittadini, tra i valori più bassi dell’Ocse. Una critica all’Italia è tuttavia sugli effetti dei “grossi” vincoli di bilancio dopo la crisi finanziaria che, sottolinea l’Ocse, provocano preoccupazioni per quanto riguarda la capacità delle singole Regioni di fornire servizi adeguati, soprattutto al Sud.

Giornate in Ginecologia ed Ostetricia, SCCL-AOGOI

Giornate in Ginecologia ed Ostetricia, SCCL-AOGOI

23 -24 novembre 2017 
Napoli, Biblioteca Nazionale di Palazzo Reale

Convegno Congiunto SCCL - AOGOI Campania

Presidenti Onorari: A. Chàntera, E. Viora, G. Scambia
Presidenti del Convegno: D. De Vita, M. Passaro

Congresso AOGOI Lazio e AGITE interregionale Lazio/Umbria

Congresso AOGOI Lazio e AGITE interregionale Lazio/Umbria

24 -25 novembre 2017 
Viterbo, Complesso di Santa Maria in Gradi

Presidenti del Congresso: Cristina Damiani, Giorgio Nicolanti, Rita Squarcetti, Enrico Vizza

Presidenti Onorari: Antonio Chiàntera, Giuseppe Ettore, Sandro Viglino, Elsa Viora

XII Congresso Regionale AOGOI Sicilia

XII Congresso Regionale AOGOI Sicilia

26 - 28 novembre 2017 
Catania, Sheraton Hotel

Presidente: G. Ettore

Presidenti Onorari: A. Chiàntera, E. Viora

WALLS - Women Abdominal Laparoscopic Live Surgery

WALLS - Women Abdominal Laparoscopic Live Surgery

29 novembre 2017 
Palermo, Nh Hotel

International Meeting

Onorary Presidents: A. Perino, G. Scambia​

President: V. Chiàntera

1° Congresso Internazionale della S.I.P.Ped.

1° Congresso Internazionale della S.I.P.Ped.

30 novembre - 2 dicembre 2017
Palermo, Scuola Politecnica

 

Prendersi cura della Salute Materno-Infantile: quesiti, questioni e procedure nella pratica integrata

XI CONGRESSO REGIONALE AOGOI LOMBARDIA

XI CONGRESSO REGIONALE AOGOI LOMBARDIA

1 - 2 dicembre 2017 
Milano, Milan Mariott Hotel


Presidenti Onorari: E. Viora, A. Chiàntera
Presidente del Congresso: Claudio Crescini

2° Corso Centro Dolore Pelvico II Livello ASL SA

2° Corso Centro Dolore Pelvico II Livello ASL SA

6 dicembre 2017 
Cava de’ Tirreni (SA), Holiday Inn Cava de' Tirreni

 

Presidenti: A. Chiàntera, S. Ronsini
Direttore: D. De Vita

Il ginecologo e il mondo degli adolescenti

Il ginecologo e il mondo degli adolescenti

15 dicembre 2017 
Milano, Auditorium Don Giacomo Alberione

CONVEGNO REGIONALE AGITE LOMBARDIA

Intramoenia in crisi: meno prestazioni, meno guadagni e meno medici che la esercitano. Ma la situazione varia molto da Regione a Regione. La nuova Relazione al Parlamento

Intramoenia in crisi: meno prestazioni, meno guadagni e meno medici che la esercitano. Ma la situazione varia molto da Regione a Regione. La nuova Relazione al Parlamento

10 novembre - Trasmessa al Parlamento la nuova Relazione annuale sull’esercizio dell’attività libero professionale intramuraria (dati riferiti al 2015). Emerge una estrema variabilità tra le Regioni, anche se migliora l’attuazione della legge. I ricavi per i medici scendono da 926,5 milioni del 2014 a 890 nel 2015, mentre salgono quelli delle aziende da da 216,8 milioni del 2014 a 228 milioni nel 2015.

Fumo e gravidanza. Una donna su 4 non perde il vizio. Parte una campagna ad hoc

Fumo e gravidanza. Una donna su 4 non perde il vizio. Parte una campagna ad hoc

10 novembre - Una donna su 4 non perde il vizio del fumo nemmeno dopo una gravidanza. Per cambiare questa tendenza Walce Onlus scende in campo con la campagna dedicata a mamme e bebé “Speriamo che sia... l'ultima”. A disposizione un servizio di counseling in ospedali di 4 diverse città. L'inaugurazione a Napoli, il 15 novembre, negli Ospedali dei Colli dell’Università Luigi Vanvitelli. L'ultima tappa a Bari. 

Mobilità sanitaria. Quasi un milione di ricoveri fuori Regione con una spesa di 4,3 miliardi l’anno. Il record in Calabria con il 20,5% dei pazienti che emigrano

Mobilità sanitaria. Quasi un milione di ricoveri fuori Regione con una spesa di 4,3 miliardi l’anno. Il record in Calabria con il 20,5% dei pazienti che emigrano

10 novembre - L’analisi si basa sulle schede di dimissione ospedaliera 2016 per i ricoveri e, per la parte economica, su crediti e debiti sempre per la mobilità scritti nel riparto 2017 che, ovviamente, essendo ancora l’anno in corso, sono riferiti agli anni precedenti. Si tratta in sostanza di circa 937mila cittadini che si sono spostati per curarsi portandosi dietro una “dote” di oltre 4,3 miliardi tra dare e avere per le loro cure non nelle Regioni di residenza. 

Spesa sanitaria privata a quota 39,5 miliardi. Ma non è vero che si spende di più dove il Ssn funziona peggio. I dati della Sda Bocconi

Spesa sanitaria privata a quota 39,5 miliardi. Ma non è vero che si spende di più dove il Ssn funziona peggio. I dati della Sda Bocconi

10 novembre - L’86% della spesa sanitaria out of pocket delle famiglie italiane è per servizi ambulatoriali e beni (cure dentistiche, analisi ed esami, prestazioni professionali come quelle erogate dagli infermieri, dai fisioterapisti o dagli psicologi, ma anche farmaci e presidi vari, dai cerotti agli occhiali). Il restante 13,1% riguarda l’assistenza ospedaliera o a lungo termine. A spendere di più sono i cittadini di Valle d’Aosta (media pro capite 859 euro), Lombardia (752), Trentino A.A. (736), Veneto (674) ed Emilia Romagna (652). In coda Campania (303), Calabria (363), Sardegna (368) e Sicilia (404).

Legge Bilancio. Commissione Sanità Senato lancia allarme: “Per il 2018 mancano almeno 1,3/1,4 miliardi solo per contratto e mancato gettito regioni autonome”. Dubbi anche su payback

Legge Bilancio. Commissione Sanità Senato lancia allarme: “Per il 2018 mancano almeno 1,3/1,4 miliardi solo per contratto e mancato gettito regioni autonome”. Dubbi anche su payback

10 novembre – La Commissione ha dato alla fine parere favorevole ma i dubbi sulla manovra sono tanti. Si lamenta anche l'assenza di misure per i ricercatori del Ssn e la mancata abolizione del superticket. I senatori inoltre esprimono "preoccupazione" per le ricadute sulle politiche sociali e non autosufficienza a causa del taglio di 300 mln alle Regioni e richiedono la rimozione dei vincoli all'assunzione di personale.

Crolla il mito del chirurgo maschio: le donne ottengono risultati migliori dei colleghi, sia in sala operatoria che in corsia

Crolla il mito del chirurgo maschio: le donne ottengono risultati migliori dei colleghi, sia in sala operatoria che in corsia

10 novembre - Le discipline chirurgiche sono ancora appannaggio dei maschi, nonostante le iscritte a medicina abbiano ampiamente superato i maschi e le leggende metropolitane narrano che le donne chirurgo siano meno valide dei loro colleghi maschi. Ma adesso il risultato di due studi, uno condotto in ambiente chirurgico in Canada, l’altro a Boston in ambito medico, ribaltano i termini della questione rivelando una supremazia femminile negli outcome di mortalità, nuovo ricovero o complicanze  a 30 giorni.

 

La responsabilità è sempre d’équipe. Cassazione conferma condanna per omicidio colposo a un medico e a un tecnico per una trasfusione sbagliata

La responsabilità è sempre d’équipe. Cassazione conferma condanna per omicidio colposo a un medico e a un tecnico per una trasfusione sbagliata

10 novembre - La Corte di Cassazione ha ribadito cosa comporta, dal punto di vista della responsabilità professionale, la cooperazione tra più sanitari: è fondamentale che ciascun medico e membro dell'équipe osservi gli obblighi derivanti dalla convergenza di tutte le attività verso il fine comune. Condannati per omicidio colposo un medico e un tecnico per una trasfusione errata che aveva portato alla morte di un paziente all'ospedale salernitano San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona.

Responsabilità sanitaria. Gelli: “Unico decreto attuativo entro gennaio”

Responsabilità sanitaria. Gelli: “Unico decreto attuativo entro gennaio”

10 novembre - “Entro gennaio ci sarà un unico decreto attuativo che affronterà tre delicate questioni assicurative ancora irrisolte: la retroattività e l’ultrattività delle polizze, i requisiti minimi per le assicurazioni e le autoassicurazioni, l’istituzione del Fondo di Garanzia per i pazienti danneggiati presso la Consap”. Lo ha assicurato Federico Gelli, parlando della legge che porta anche il suo nome.

Inchiesta DOXA sulla "violenza ostetrica" campagna "basta tacere" Vs documentazione diffusa.

Inchiesta DOXA sulla "violenza ostetrica" campagna "basta tacere" Vs documentazione diffusa.

Recentemente sono stati portati all'attenzione dell'Aogoi scritti, ed inchieste su "storie di violenza ostetrica" in Italia, con l'affermazione di essere in possesso di "dati autorevoli" su di esse.
Appare evidente che già la modalità di presentazione dell'indagine, mediante l'accostamento alla parola "violenza" dell'attributo "ostetrica" ne determina un grave effetto denigratorio per i professionisti del settore.
Invero le parole "violenza ostetrica", nel momento della comunicazione, diventano già da sole e nell'immediatezza, strumento di offesa della reputazione dei professionisti sanitari, trascendendo in palese attacco e aggressione della sfera morale altrui, che certo non costituisce un generico e lecito contenuto valutativo o espressione di un giudizio rispettoso della correttezza del linguaggio e consentito dal nostro ordinamento giuridico. [Cont.]

2° Convegno Regionale AGITE Piemonte

2° Convegno Regionale AGITE Piemonte

10 -11 novembre 2017 
Torino, Centro Congressi Torino Incontra

 

Responsabile scientifico: Massimo Abbondanza

Cassazione. Se linee guida sono state rispettate, anche in presenza di imperizia, colpa grave non sussiste più. Annullata condanna di un medico

Cassazione. Se linee guida sono state rispettate, anche in presenza di imperizia, colpa grave non sussiste più. Annullata condanna di un medico

3 novembre - Il medico era stato condannato per lesioni colpose per le conseguenze di un intervento di lifting facciale che avevano provocato un’estesa zona di insensibilità. Questo perché il nuovo articolo 590 sexies del Codice penale modificato dalle legge Gelli, ha cancellato la depenalizzazione della colpa lieve prevista dalla precedente legge Balduzzi: non esiste quindi più un problema di grado della colpa, con l’eccezione di quei casi in cui la legge Balduzzi si configura come norma più favorevole da applicare a quei casi caratterizzati da negligenza o imprudenza.

Legge di Bilancio 2018. Per la sanità solo payback farmaci, monitoraggio medicinali innovativi e fatture elettroniche per beni e servizi. Per contratti e convenzioni del Ssn niente fondi ad hoc

Legge di Bilancio 2018. Per la sanità solo payback farmaci, monitoraggio medicinali innovativi e fatture elettroniche per beni e servizi. Per contratti e convenzioni del Ssn niente fondi ad hoc

3 novembre - Quest'anno la sanità presenta un pacchetto di norme molto risicato rispetto alle lenzuolate cui eravamo abituati. Ma non è escluso che alcune integrazioni potrebbero arrivare in Parlamento come ventilato nei giorni scorsi da ambienti vicino al ministero della Salute che sembra non aver rinunciato agli interventi promessi per i nuovi contratti di ricerca nel campo sanitario. 

Congresso oncologia/1. Cancro al seno, come si cura in Italia: “Dove il volume di attività è alto mortalità si riduce del 18%. Ma solo il 27% dei centri tratta almeno 150 casi anno”

Congresso oncologia/1. Cancro al seno, come si cura in Italia: “Dove il volume di attività è alto mortalità si riduce del 18%. Ma solo il 27% dei centri tratta almeno 150 casi anno”

3 novembre –   “È dimostrato da molti studi che, dove si concentra più esperienza, si riduce il numero degli interventi demolitivi e aumenta quello degli interventi conservativi - spiega Carmine Pinto, presidente nazionale Aiom -. Anche le percentuali di ricostruzioni immediate sono maggiori in centri ad alto volume di attività.

Congresso oncologia/2. Cancro ovaio, l’80% delle diagnosi avviene in fase avanzata

Congresso oncologia/2. Cancro ovaio, l’80% delle diagnosi avviene in fase avanzata

3 novembre – E questa è una delle ragioni che spiegano il perché del fatto che solo il 39% delle donne riesce a sconfiggerlo contro l’87% registrato nel tumore del seno. Nel 2017 in Italia sono previsti 5.200 nuovi casi di tumore dell’ovaio, pari al 3% di tutte le neoplasie femminili.

Congresso oncologia/3. Il 42% dei costi per i farmaci ad alto costo va al tumore al seno, seguito da quelli al colon retto, polmone e prostata. Ma i costi standard per terapia non ne tengono conto

Congresso oncologia/3. Il 42% dei costi per i farmaci ad alto costo va al tumore al seno, seguito da quelli al colon retto, polmone e prostata. Ma i costi standard per terapia non ne tengono conto

3 novembre - Il dato emerso nel corso del congresso Aiom. Oggi – sottolineano gli oncologi - viene applicata una tariffa unica per prestazione generica (per esempio la chemioterapia ha una sola classificazione), con rilevanti differenze fra costi effettivi e standard. In realtà bisognerebbe far riferimento all’indicazione terapeutica, cioè al tipo di patologia trattata. Anche perché i costi dei farmaci oncologici hanno un peso rilevante nella spesa delle oncologie italiane, con valori diversi per trattamento da 2.276,1 euro a 380,3 euro. 

menu
menu