Associazione dei Ginecologi Italiani:
ospedalieri, del territorio e liberi professionisti

slider_medici.jpg
topbanner2b.jpg
topbanner3d.jpg
  • Aogoi
  • Notiziario
  • Donne medico. Ocse: “Sono il 46%. Ma spesso non ricoprono ruoli altamente qualificati”. Italia sotto la media

Donne medico. Ocse: “Sono il 46%. Ma spesso non ricoprono ruoli altamente qualificati”. Italia sotto la media

14 settembre - Nei Paesi Ocse nel 2015 il 46% dei medici è risultata essere di sesso femminile (nel 1990 erano il 29%) e si prevede che in futuro saranno anche di più. Ma rimane la questione che vede le donne sottorappresentate nelle specializzazioni con i guadagni più alti, come la chirurgia. In Italia le donne medico sono il 40%. 

“L'attuale forza lavoro complessiva sanitaria è composta sempre più dalle donne. In media, nei Paesi Ocse, la quota di dottoresse è cresciuta nel tempo: era del 29% nel 1990, al 38% nel 2000 e al 46% nel 2015. E si prevede che questa tendenza al rialzo continui in futuro poiché la quota delle donne laureate continua ad aumentare”. È quanto rileva l’Ocse che ha analizzato i dati di 34 Paesi aderenti all’organizzazione.
 
“Ma nonostante ciò le operatrici sanitarie femminili – rileva l’Ocse - sono sottorappresentate nelle occupazioni altamente qualificate, come in chirurgia”.
 
“L’analisi dei numeri di paesi come Francia e il Canada – si evidenzia -suggeriscono che la percentuale di dottoresse tende ad essere maggiore nella medicina generale che in occupazioni più remunerative e specializzate, come la chirurgia. Nel 2014, per la maggioranza dei paesi selezionati dell'OCSE, gli stipendi degli specialisti era superiore a quella dei generalisti”.
 
“Tutti questi dati – segnala l’Ocse - suggeriscono che anche quando le lavoratrici ricercano professioni più qualificate nella professione medica, tendono ad essere sottorappresentate nei lavori con i guadagni più alti”.
 
I numeri. Se la media di donne medico nei Paesi Ocse è del 46% si nota in ogni caso una variazione tra i paesi molto significativa: in Giappone e in Corea le donne medico sono solo il 20% mentre in Lettonia e in Estonia questa percentuale supera il 70%. L’Italia è sotto la media con il 40% di donne medico”.

 

 

L.F.

menu
menu