Associazione dei Ginecologi Italiani:
ospedalieri, del territorio e liberi professionisti

slider_medici.jpg
topbanner2b.jpg
topbanner3d.jpg
  • Aogoi
  • Notiziario
  • HPV: disponibile a breve il nuovo vaccino 9-valente: un’interessante opportunità non solo per la patologia genitale femminile e maschile

HPV: disponibile a breve il nuovo vaccino 9-valente: un’interessante opportunità non solo per la patologia genitale femminile e maschile

30 Giugno 2016

 

Il vaccino anti-HPV ha rappresentato una svolta decisiva nella prevenzione primaria del carcinoma cervicale, con importanti ricadute positive sulla salute delle donne e sulla riduzione dei costi sanitari associati alla gestione clinica delle lesioni HPV-correlate.

I vaccini utilizzati fino ad ora (bivalente e quadrivalente), hanno dimostrato un’efficacia superiore al 90% ed una buona tollerabilità. La Campagna vaccinale è stata rivolta, sino ad ora, solo al sesso femminile, in quanto le donne sono quelle che pagano il prezzo più alto dell’infezione da HPV.

 

Studi recenti hanno tuttavia dimostrato che sarebbe opportuno estendere la vaccinazione anche al sesso maschile, in quanto importante serbatoio di infezione: la prevalenza dell’infezione da HPV nel maschio è >65%, e rimane costantemente elevata per tutta la vita. La vaccinazione universale comporterebbe non solo una riduzione della circolazione del virus, con effetti positivi per le donne, ma anche dell’incidenza delle patologie HPV-correlate nel maschio, per le quali si sta registrando un progressivo aumento. Inoltre, secondo le normative europee, è un diritto di ogni individuo poter accedere ai programmi di prevenzione delle malattie, laddove esista un mezzo efficace di prevenzione.

 

I tumori HPV-correlati in sede extra-cervicale (vulva, vagina, ano, pene, orofaringe), sono purtroppo gravati da una morbilità e da una mortalità molto superiori a quelle del cancro cervicale, anche perché vengono generalmente diagnosticati in fase avanzata, non essendo disponibile lo screening. Per alcuni di questi tumori (vulva, vagina, ano), è possibile oggi offrire la possibilità di una prevenzione primaria con il nuovo vaccino 9-valente, a breve disponibile.

 

La protezione del vaccino 9-valente porterà un vantaggio sostanziale in termini di riduzione delle patologie e delle lesioni HPV-correlate, rispetto ai vaccini attualmente disponibili, non solo per il sesso femminile (cervice uterina, vulva, vagina), ma anche per il sesso maschile, in quanto garantisce una copertura anche per il cancro dell’ano, che interessa entrambi i sessi, soprattutto il sesso maschile.

Un programma universale di vaccinazione anti-HPV è auspicabile per ridurre i pregiudizi creati intorno a una vaccinazione del solo genere femminile, aiutando a ridurre le barriere socio-culturali e quindi aumentando l’accettabilità e le coperture vaccinali.

 

Miano, 28 giugno 2016

Carlo Maria Stigliano

 

Fonti

  1. Zuccotti GV, et al. I vaccini contro HPV: evoluzione e prospettive. RIAP 2015; 32-41
  2. Jura EA, et al. A 9-valent HPV Vaccine against Infection and Intraepithelial Neoplasia in women. NEJM. 2015; 711-723
menu
menu