Associazione dei Ginecologi Italiani:
ospedalieri, del territorio e liberi professionisti

slider_medici.jpg
topbanner2b.jpg
topbanner3d.jpg
  • Aogoi
  • Notiziario
  • In Europa popolazione cresce solo grazie a immigrati. E per la prima volta in Europa decessi superano nascite

In Europa popolazione cresce solo grazie a immigrati. E per la prima volta in Europa decessi superano nascite

12 luglio - La popolazione europea cresce, grazie agli immigrati, nel 2016 fino ad arrivare a 510 mln ma per la prima volta i bambini nati sono stati, seppur di poco inferiori ai decessi. E l’Italia è tra i paesi con il tasso di natalità peggiore. IL FOCUS DI EUROSTAT 

Il 1° gennaio 2016, la popolazione dell'Unione europea (UE) è stato stimata in 510,1 mln, rispetto ai 508,3 mln il 1 ° gennaio 2015 (+3,5‰). In crescita, ma nel corso dell'anno 2015, sono stati quasi 5,1 milioni i bambini  I nati in Europa, mentre sono più di 5,2 milioni le persone che sono morte, il che significa che l'Unione europea ha registrato per la prima volta in assoluto una variazione naturale negativo della sua popolazione. La restante parte della variazione (positiva) è determinata essenzialmente da migrazione netta.
 
Il più popoloso degli Stati Ue continua ad essere la Germania (82,2 milioni di abitanti), poi c’è la Francia (66,7 milioni), il Regno Unito (65,3 milioni) e l'Italia (60,7 milioni). Tutti insiemr questi stati ospitano oltre la metà della popolazione della Ue.
 
Questi alcuni dei numeri rilasciati da Eurostat, l'ufficio statistico dell'Unione europea, poco prima della Giornata Mondiale della Popolazione (11 luglio).
 
Aumento della popolazione in diciassette Stati membri
Durante il 2015, la popolazione è aumentata in diciassette Stati membri dell'UE ed è diminuita in undici. L'incremento maggiore è stato osservato in Lussemburgo (23,3 per 1.000 abitanti), davanti a Austria (+ 14,4 ‰), Germania (+ 11,8 ‰), Malta (+ 11,7 ‰), Svezia (+ 10,6 ‰), Danimarca (+ 8,4 ‰) e in Belgio (+ 7.2 ‰). Al contrario, i cali più consistenti sono stati registrati in Lituania (-11,3 ‰), Lettonia (-8.7 ‰) e Croazia (-8,2 ‰), seguita dalla Bulgaria (-6,7 ‰), la Grecia (-6,0 ‰) e la Romania (-5,6 ‰). L’Italia ha fatto registrare un – 2,1‰ con la nostra popolazione che scende di 130 mila unità rispetto all’anno precedente.
 
Alti tassi di natalità in Irlanda, Francia e Regno Unito, i più bassi in Italia, Portogallo e Grecia.
Nel corso dell'anno 2015, quasi 5,1 milioni di bambini sono nati in Europa, 40.000 in meno rispetto all'anno precedente. Nello specifico degli Stati membri, i più alti tassi di natalità grezzi nel 2015 sono stati registrati in Irlanda (14,2 per 1 000 abitanti), seguita dalla Francia
(12,0 ‰), dal Regno Unito (11,9 ‰) e dalla Svezia (11,7 ‰), mentre la più basse sono state registrati in Italia (8,0 ‰), Portogallo (8,3 ‰) e Grecia (8,5 ‰). A livello dell'UE, il tasso di natalità è stato  in media di 10,0 per 1 000 residenti.
 
I decessi. Ci sono stati poco più di 5,2 milioni di morti registrate nell'UE nel 2015, 286.000 in più rispetto all'anno precedente. La Bulgaria (15,3 per 1 000 residenti) è lo stato che ha avuto nel 2015 il più alto tasso di mortalità, seguito da Lettonia e Lituania (Entrambi 14,4 ‰), Ungheria (13,4 ‰), Romania (13,2 ‰) e Croazia (12,9 ‰). All'estremità opposta della scala, troviamo invece Irlanda (6.4 ‰), Cipro (6,9 ‰) e Lussemburgo (7,0 ‰) ha registrato il più basso. Il tasso di mortalità è stato del 10,3 per 1.000 residenti nella Ue. L’Italia ha fatto registrare un dato del 10,7‰
 
Di conseguenza, l'Irlanda (con una variazione naturale della sua popolazione di + 7,7 ‰) è stato nel 2015 lo Stato membro in cui le nascite sono state maggiori rispetto alle morti. Tassi elevati anche a Cipro (+ 3,9 ‰), Lussemburgo (+ 3,7 ‰), Francia (+ 3.0 ‰), Regno Unito (+ 2,7 ‰) e in Svezia (+ 2,4 ‰). Al contrario, tra i tredici Stati membri dell'Unione europea che hanno registrato un variazione naturale negativo nel 2015, i decessi superavano le nascite di più in Bulgaria (-6.2 ‰), Croazia e Ungheria (Entrambi -4.0 ‰), Romania (-3,8 ‰), la Lituania (-3,5 ‰) e Lettonia (-3,3 ‰). Italia ali ultimi posti con -2,7‰.

menu
menu