Associazione dei Ginecologi Italiani:
ospedalieri, del territorio e liberi professionisti

slider_medici.jpg
topbanner2b.jpg
topbanner3d.jpg
  • Aogoi
  • Notiziario
  • In Gazzetta il decreto Lorenzin sugli screening neonatali. Stanziati 25 milioni di euro a valere sul Fsn 2014/2016

In Gazzetta il decreto Lorenzin sugli screening neonatali. Stanziati 25 milioni di euro a valere sul Fsn 2014/2016

16 novembre – Ecco le disposizioni per l'avvio dello screening neonatale  per  la  diagnosi precoce di malattie metaboliche ereditarie. Elencate le malattie ereditarie da sottoporre a screening, modulo per il consenso informato e definizione dell’organizzazione del percorso. Nonché i criteri di riparto delle somme già previste nel fondo sanitario. IL TESTO 

Arriva in Gazzetta ufficiale il decreto ministeriale firmato dal Ministro della Salute Beatrice Lorenzin che delinea le disposizioni per l'avvio dello screening neonatale  per  la  diagnosi precoce di malattie metaboliche ereditarie. In primis nel decreto si elencano le malattie metaboliche ereditarie da sottoporre a screening neonatale esteso (36 indicazioni riportate nelle tabelle allegate al decreto). In seconda istanza viene definita l’Informativa e consenso allo SNE. Tracciate anche le linee guida su raccolta, invio e conservazione dello spot ematico.
 
Ma il decreto fissa anche un Sistema di screening neonatale che dovrà avere “un'organizzazione regionale o interregionale a carattere multidisciplinare deputata a garantire l'intero percorso dello screening neonatale dal  test  di  screening, alla conferma diagnostica, alla presa in carico e al trattamento  del neonato, con un coordinamento regionale dell'intero sistema di screening  neonatale. 
 
Esso  pertanto deve prevedere i seguenti elementi: 
a) Laboratorio di screening neonatale. 
b) Laboratorio per i test di conferma diagnostica. 
c) Centro clinico. 
d) Coordinamento regionale del sistema screening.  
 
Ogni  regione e provincia autonoma  individuerà al suo interno un'articolazione con funzione di coordinamento del sistema  screening neonatale. Tale livello organizzativo ha il compito di governare  e monitorare le attività del sistema screening  nel  suo  complesso a livello regionale/provinciale.
 
Definite poi le modalità di Comunicazione, richiamo, conferma diagnostica e presa in carico per lo SNE. Capitolo poi dedicato anche a Formazione, informazione ed empowerment protezione e promozione della salute. 
 
Per quanto riguarda la copertura degli oneri economici e dei criteri di riparto, per l'anno 2014 la somma di 5 milioni di  euro  del  Fondo sanitario è ripartita tra le regioni in relazione  al  numero  medio annuo di nati, calcolato sui nati  dell'ultimo  quinquennio,  per  la copertura delle spese per lo SNE.
 
Per gli anni 2015 e 2016 prevista invece la somma di 10 milioni  di  euro annui del Fondo sanitario, ripartite con i medesimi criteri indicati per il 2014. Il decreto stabilisce inoltre che le risorse finanziarie "sono  destinate  e utilizzate per il raggiungimento degli  obiettivi  quali-quantitativi per garantire la progressiva universalità, uniformità  e  gratuità dello  SNE, dal  prelievo  del  campione  ematico alla conferma diagnostica, per la presa in carico dei neonati riconosciuti affetti" secondo specifiche priorità indicate all'articolo 7 del provvedimento.
 
Da notare come su questo decreto vi fosse stata una dura polemica lanciata dal Movimento 5 Stelle in quanto il dm andrebbe a sovrapporsi alla legge approvata lo scorso agosto proprio per l’inserimento nei Lea degli screening neonatali.

menu
menu