Associazione dei Ginecologi Italiani:
ospedalieri, del territorio e liberi professionisti

slider_medici.jpg
topbanner2b.jpg
topbanner3d.jpg
  • Aogoi
  • Notiziario
  • Incontinenza urinaria. Un problema per molte giovani e giovanissime donne in gravidanza

Incontinenza urinaria. Un problema per molte giovani e giovanissime donne in gravidanza

13 luglio - L’incontinenza urinaria è un disturbo molto frequente non solo nella terza età ma anche tra le giovanissime donne in gravidanza. Uno studio statunitense rileva che più di una giovane donna incinta su due lamenta la malattia. 

(Reuters Health) – L’incontinenza urinaria è una patologia comune tra le giovani e giovanissime donne in gravidanza. Lo conferma uno studio pubblicato da Femal Pelvic Medicine and Reconstructive Surgery. ”L’incontinenza urinaria colpisce le donne incinte di tutte le età, comprese le giovanissime. Non si tratta dunque, di una malattia legata alla terza età. Quasi la metà di coloro che lamentano i sintomi hanno questo disturbo – dice Marjorie Jean-Michel del Bronx-Lebanon Hospital Center di New York, autrice principale dello studio – Una maggiore consapevolezza di questo problema potrebbe permetterebbe ai medici di offrire prestazioni e assistenza migliori a queste pazienti”.

Lo studio
Jean-Michel e colleghi hanno esaminato 98 pazienti incinte sotto i 25 anni, il 64% delle quali primipare. Nel complesso, più di una donna su due ha riferito incontinenza urinaria, il 73% incontinenza da stress, il 67% incontinenza con urgenza e il 20% altri tipi di incontinenza. Il tasso di incontinenza risultava simile per le adolescenti e le giovani. Gran parte delle incontinenze si risolvono spontaneamente, ma sarebbe opportuno valutare la persistenza della malattia nel tempo quando essa insorge tanto precocemente nella vita. 

Gli ostetrici e i ginecologi dovrebbero lavorare per identificare questo problema nelle pazienti più giovani attraverso anche semplici domande durante le visite di routine, non solo per alleviare il senso di imbarazzo della paziente nel condividere la propria esperienza più intima, ma per contribuire a sviluppare la consapevolezza della propria condizione al fine di ottenere una migliore gestione e apportare un significativo cambiamento della patologia in un’età giovanile.

Fonte: Femal Pelvic Medicine and Reconstructive Surgery

Anne Harding

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

menu
menu