Associazione dei Ginecologi Italiani:
ospedalieri, del territorio e liberi professionisti

slider_medici.jpg
topbanner2b.jpg
topbanner3d.jpg
  • Aogoi
  • Notiziario
  • Medicina di genere: da Fnomceo un corso di formazione a distanza

Medicina di genere: da Fnomceo un corso di formazione a distanza

20 luglio - Sarà dedicato alla Salute di genere il nuovo corso di formazione a distanza erogato gratuitamente da Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli odontoiatri a tutti i medici e gli odontoiatri italiani. Sarà on line da domani, 20 luglio, sulla piattaforma Fadinmed (www.fadinmed.it) e rimarrà attivo sino al 19 luglio 2019.  

Maschio, caucasico, 70 kg di peso: per molti anni è stato questo il modello su cui erano condotti sia gli studi di base, sia le sperimentazioni cliniche sui farmaci. Le donne, come i bambini e gli anziani, erano considerate “popolazioni speciali”.
 
Ma le donne – sottolinea una nota della Fnomceo - si ammalano come e più degli uomini: secondo i dati pubblicati dall’Istat nel 2017, vivono più a lungo, ma non in buona salute. Le donne riportano meno frequentemente malattie croniche gravi ma più multicronicità e limitazioni motorie o sensoriali. Lamentano più degli uomini dolore fisico da moderato a molto forte (45,4% contro 27,6%). Tra le ultraottantenni la percentuale arriva al 58,6% a fronte del 39,2% degli uomini.
 
Soprattutto, si ammalano diversamente. E non è solo una questione di prevalenza, cioè di quanti sono gli individui colpiti, in un dato momento, da una determinata patologia. La questione – spiega ancora Fnomceo - è molto più complessa: uomini e donne si ammalano in modo diverso di una stessa patologia, presentano sintomi differenti, reagiscono in modo anche opposto alle terapie. Questo perché l’organismo maschile e quello femminile non sono uguali, anzi non potrebbero essere più divergenti: da un punto di vista anatomico, fisiologico, biochimico, ma anche a livello cellulare, e, più oltre, nell’espressione di uno stesso Dna. È come se uno stesso libro – la sequenza dei geni – fosse letto in diverse maniere.
 
“La Medicina di Genere rappresenta un obiettivo strategico che le organizzazioni sanitarie debbono perseguire anche nell'ottica di favorire parità di accesso ai servizi dei cittadini – spiega Roberto Stella, coordinatore dell’Area Strategica della Formazione Fnomceo - La differenza di genere infatti influenza le esigenze sanitarie e farmacologiche dell'individuo determinando una diversa aderenza alle cure nonché una diversa modalità di accesso alle stesse. È necessario un lavoro inter e multidisciplinare, sono necessarie nuove risorse e ricerche oltre alla sensibilizzazione del mondo medico e della popolazione”.
 
“Questo corso si inserisce in un ampio progetto della Fnomceo sulla salute di genere - continua Stella - e sottolinea l’impegno della Federazione nel favorire una cultura e una presa in carico della persona che tenga presente le differenze di genere, non solo sotto l’aspetto anatomo-fisiologico, ma anche dal punto di vista biologico-funzionale, psicologico, sociale e culturale, oltre che ovviamente delle risposte alle cure”.
 
Il corso, che è frutto dell’impegno del Gruppo di Lavoro Fnomceo sulla Medicina di genere, coordinato da Teresita Mazzei, sarà strutturato – ed è la prima volta per i corsi Fadinmed – attraverso dieci video di venti minuti, seguiti da altrettanti questionari Ecm.

 

 

 

menu
menu