Associazione dei Ginecologi Italiani:
ospedalieri, del territorio e liberi professionisti

slider_medici.jpg
topbanner2b.jpg
topbanner3d.jpg
  • Aogoi
  • Notiziario
  • Menopausa. Terapia ormonale sicura anche per chi soffre di emicrania

Menopausa. Terapia ormonale sicura anche per chi soffre di emicrania

20 ottobre - Il trattamento sostitutivo degli estrogeni potrebbe essere assunto in sicurezza, dal momento che non ci sarebbe un aumento del rischio di eventi cardiovascolari associato a questa terapia. 

(Reuters Health) – Le donne in menopausa che soffrono di emicrania potrebbero trarre beneficio da una terapia ormonale, senza avere un aumento del rischio cardiovascolare. A evidenziarlo sono stati i nuovi dati rilasciati dalla Women's Health Initiative (WHI). I risultati dello studio saranno presentati da Jelena Pavlovic, dell'Albert Einstein College of Medicine nel Bronx, a New York, che ha guidato lo studio, all'incontro annuale della North American Menopause Society (NAMS), in corso a Philadelphia.
 
Pavlovic e colleghi hanno esaminato la relazione tra emicrania e nuovi eventi cardiovascolari e l'interazione con la terapia ormonale, tra le pazienti che avevano preso parte allo studio osservazionale WHI (WHI-OS) e al trial sulla terapia ormonale (WHI-HT). Di 67.903 donne della coorte WHI-OS, 7.322, circa l'11%, avrebbero sofferto di emicrania. La gran parte di queste, il 45%, aveva un'età compresa tra i 50 e i 59 anni. Dopo aver aggiustato i dati per altri cofattori rilevanti, i ricercatori hanno rilevato che le donne con emicrania non avevano un aumento del rischio di eventi cardiovascolari, incluso infarto, ictus, malattia coronarica e trombosi venosa profonda.

Delle 17.357 partecipanti al WHI-HT, invece, 1.482, circa il 9%, avevano riferito di soffrire di emicrania. In questo gruppo, ci sarebbe stata una riduzione, non statisticamente significativa, degli eventi cardiovascolari. Nel confrontare le donne con emicrania che ricevevano una terapia ormonale rispetto a quelle trattate con placebo, la terapia ormonale non avrebbe modificato l'effetto nell'associazione tra emicrania e eventi cardiovascolari.
 
“Dal momento che l'emicrania interessa una donna su quattro e alle donne che ne soffrono viene spesso consigliato di evitare la terapia ormonale, questi risultati possono avere importanti risvolti per la salute pubblica”, ha dichiarato Pavlovic.
 
Secondo JoAnn Pinkerton, della NAMS e professoressa di ostetricia e ginecologia all'Università della Virginia, “la cosa più importante di questo studio è il fatto che non ci sia associazione tra emicrania ed eventi cardiovascolari, indipendentemente dal fatto che venga usata o meno la terapia ormonale. Questo significa – ha dichiarato – che se le donne hanno emicranie e sintomi della menopausa dovrebbero essere valutate individualmente per capire i potenziali benefici e i rischi della terapia ormonale”.
 
“I contraccettivi orali sono sconsigliati per chi ha emicrania con aura e sono da usare con cautela in chi soffre di emicrania senza aura, a causa di problemi di aumento di rischio di ictus – ha spiegato l'esperta – ma i contraccettivi e la terapia ormonale sono piuttosto diversi. E l'effetto della terapia ormonale sulle emicranie sembra essere diverso”.

Fonte: North American Menopause Society
 
Megan Brooks

(Versione italiana Quotidiano Sanità/ Nutri&Previeni) 

menu
menu