Associazione dei Ginecologi Italiani:
ospedalieri, del territorio e liberi professionisti

slider_medici.jpg
topbanner2b.jpg
topbanner3d.jpg
  • Aogoi
  • Notiziario
  • Nascite pretermine. Nel mondo sono 15 milioni ogni anno. Ecco le linee guida Oms per prevenirle e assisterle

Nascite pretermine. Nel mondo sono 15 milioni ogni anno. Ecco le linee guida Oms per prevenirle e assisterle

24 novembre - Più di tre quarti dei bambini prematuri possono essere salvati con cure  durante la nascita e nel periodo postnatale per ogni madre e bambino, dalla fornitura di steroidi prenatali alla cura della madre-canguro, fino agli antibiotici per il trattamento delle infezioni neonatali. LE LINEE GUIDA SULLA PREMATURITA'. - STRATEGIA OMS PER DONNE, BAMBINI E ADOLESCENTI 2016-2030 - RACCOMANDAZIONI OMS PER UNA GRAVIDANZA POSITIVA - ASSISTENZA ALLE MADRI-CANGURO. 



Il 17 novembre scorso in occasione della Giornata mondiale prematurità l’Oms ha tracciato il quadro della situazione nei paesi dove la nascita pretermine è un vero problema di salute e rilancia le sue linee guida per migliorare i risultati di una nascita prematura.

Ci sono sottocategorie di nascita pretermine, basate sull'età gestazionale:
• estremamente pretermine (meno di 28 settimane)
• molto pretermine (da 28 a 32 settimane)
• pretermine da moderato a ritardato (da 32 a 37 settimane).

L'induzione o il parto cesareo non dovrebbero essere pianificati prima delle 39 settimane completate, a meno che non sia indicato dal punto di vista medico.

Si stima che 15 milioni di bambini nascano troppo presto ogni anno. Questo è più di 1 su 10 bambini. Circa 1 milione di bambini muoiono ogni anno a causa di complicazioni della nascita pretermine. Molti sopravvissuti affrontano una vita di disabilità, tra cui difficoltà di apprendimento e problemi visivi e uditivi.

Globalmente, la prematurità è la principale causa di morte nei bambini di età inferiore ai 5 anni. E in quasi tutti i paesi con dati affidabili, i tassi di natalità pretermine sono in aumento.

Le disuguaglianze nei tassi di sopravvivenza in tutto il mondo sono nette. In contesti a basso reddito, metà dei bambini nati a 32 settimane (o 2 mesi prima) nati a causa della mancanza di cure praticabili e convenienti, come calore, sostegno all'allattamento al seno e cure di base per infezioni e difficoltà respiratorie muoiono. Nei paesi ad alto reddito, quasi tutti questi bambini sopravvivono. L'uso subottimale della tecnologia nei contesti di reddito medio sta causando un aumento del carico di disabilità tra i neonati pretermine che sopravvivono al periodo neonatale.

Più di tre quarti dei bambini prematuri possono essere salvati con cure praticabili e convenienti, come la cura durante la nascita del bambino e nel periodo postnatale per ogni madre e bambino, la fornitura di steroidi prenatali (somministratI a donne in gravidanza a rischio di pretermine, in base a criteri prestabiliti per rafforzare i polmoni del bambino), cura della madre-canguro (il bambino viene trasportato dalla madre con contatto della pelle e allattamento frequente) e antibiotici per il trattamento delle infezioni neonatali.

Ad esempio, la continuità delle cure guidate da ostetriche in ambienti in cui sono presenti servizi di ostetricia efficace ha dimostrato di ridurre il rischio di prematurità di circa il 24 per cento.

Prevenire le morti e le complicazioni dalla nascita pretermine inizia da una gravidanza sana. L'assistenza di qualità prima, durante e durante le gravidanze garantirà a tutte le donne un'esperienza positiva in gravidanza. Le linee guida sull'assistenza prenatale dell'Oms comprendono interventi chiave per aiutare a prevenire il parto prematuro, come la consulenza su una dieta sana e un'alimentazione ottimale, e il consumo di tabacco e sostanze; misurazioni fetali incluso l'uso di ultrasuoni per aiutare a determinare l'età gestazionale e rilevare gravidanze multiple e un minimo di 8 contatti con gli operatori sanitari durante la gravidanza per identificare e gestire altri fattori di rischio, come le infezioni.

Un migliore accesso agli anticoncezionali e un maggiore empowerment potrebbe anche aiutare a ridurre i parti pretermine.

Oltre il 60% delle nascite pretermine si verifica in Africa e nell'Asia meridionale, ma il parto prematuro è veramente un problema globale. Nei paesi a basso reddito, in media, il 12% dei bambini nasce troppo presto rispetto al 9% nei paesi a reddito più elevato. All'interno dei paesi, le famiglie più povere sono a più alto rischio.

I 10 paesi con il maggior numero di nascite pretermine :
• India: 3.519.100
• Cina: 1.172.300
• Nigeria: 773.600
• Pakistan: 748.100
• Indonesia: 675.700
• Stati Uniti d'America: 517.400
• Bangladesh: 424.100
• Filippine: 348.900
• Repubblica Democratica del Congo: 341.400
• Brasile: 279.300

I 10 paesi con i più alti tassi di parto pretermine ogni 100 nati vivi :
• Malawi: 18,1 nascite pretermine ogni 100 nascite
• Comore: 16,7
• Congo: 16,7
• Zimbabwe: 16,6
• Guinea equatoriale: 16.5
• Mozambico: 16.4
• Gabon: 16.3
• Pakistan: 15,8
• Indonesia: 15,5
• Mauritania: 15,4

Di 65 paesi con dati affidabili, tutti tranne tre mostrano un aumento dei tassi di natalità pretermine negli ultimi 20 anni. Possibili ragioni per questo includono una migliore misurazione, aumenti nell'età materna e problemi di salute materni come diabete e ipertensione, un maggiore uso di trattamenti per l'infertilità che portano a un aumento dei tassi di gravidanze multiple e cambiamenti nelle pratiche ostetriche come più parti cesareo prima del termine .

C'è una drammatica differenza nella sopravvivenza dei bambini prematuri a seconda di dove sono nati. Ad esempio, più del 90% dei bambini pretermine (meno di 28 settimane) nati in paesi a basso reddito muoiono entro i primi giorni di vita; tuttavia meno del 10% dei bambini estremamente pretermine muoiono in contesti ad alto reddito.

L'Oms si impegna a ridurre i problemi di salute e le vite perse a causa del parto pretermine:
• Collaborare con gli Stati membri e i partner per attuare ogni neonato: un piano d'azione per porre fine alle morti evitabili adottato nel maggio 2014 nel quadro della strategia globale del Segretario generale delle Nazioni Unite per la salute delle donne e dei bambini ;
• Collaborare con gli Stati membri per rafforzare la disponibilità e la qualità dei dati sulle nascite pretermine;
• Fornire analisi aggiornate dei livelli di nascita pretermine globali e delle tendenze ogni 3 o 5 anni;
• Collaborare con i partner di tutto il mondo per condurre ricerche sulle cause del parto prematuro e testare l'efficacia e gli approcci di consegna per gli interventi per prevenire la nascita pretermine e trattare i bambini nati pretermine;
• Aggiornamento regolare delle linee guida cliniche per la gestione della gravidanza e delle madri con parto pretermine o a rischio di parto prematuro e linee guida sulla cura dei bambini pretermine, inclusa la cura della madre-canguro, alimentazione di neonati con basso peso alla nascita, trattamento di infezioni e problemi respiratori e a casa assistenza di follow-up;
• Sviluppo di strumenti per migliorare le competenze degli operatori sanitari e valutare la qualità dell'assistenza fornita alle madri a rischio di parto prematuro e neonati prematuri; e
• Paesi che sostengono l'attuazione delle linee guida sull'assistenza prenatale dell'Oms, volte a ridurre il rischio di esiti negativi della gravidanza, compresi i parto pretermine, e garantire un'esperienza di gravidanza positiva per tutte le donne.

L'Oms sta coordinando due studi clinici, denominati Trials ACTION dell'Oms (corticosteroidi prenatali per migliorare i risultati nei neonati pretermine) per le donne a rischio di parto pretermine:
• Prove multinazionali di kangaroo-mother care (KMC) immediato (rispetto alle attuali raccomandazioni di avviare KMC quando il bambino è stabile) in Ghana, India, Malawi, Nigeria e nella Repubblica Unita di Tanzania.
• Ricerca di implementazione per potenziare KMC in India ed Etiopia.

Gli studi valuteranno in che modo le iniezioni di steroidi possono essere utilizzate in modo sicuro ed efficace per le donne e i neonati pretermine nei paesi a basso e medio reddito.

 

 

menu
menu