Associazione dei Ginecologi Italiani:
ospedalieri, del territorio e liberi professionisti

slider_medici.jpg
topbanner2b.jpg
topbanner3d.jpg
  • Aogoi
  • Notiziario
  • Oms. Troppi aborti a rischio nei Paesi in via di sviluppo. Causano tra il 4,7 e il 13% delle morti materne. Ecco la nuova guida per gli operatori

Oms. Troppi aborti a rischio nei Paesi in via di sviluppo. Causano tra il 4,7 e il 13% delle morti materne. Ecco la nuova guida per gli operatori

7 luglio – Tra il 2010 e il 2014 registrati in media 56 milioni di aborti l’anno nel mondo di cui 22 milioni effettuati in regime di scarsa sicurezza per la donna. Quasi sempre nei Paesi in via di sviluppo dove ogni anno sono 7 milioni le donne ricoverate in ospedale per problemi dopo un aborto indotto. GUIDA TECNICO-POLITICA PER I SISTEMI SANITARI. MANUALE DI PRATICA CLINICA PER L'ABORTO SICURO. RUOLO DEGLI OPERATORI SANITARI NELL'ASSISTENZA. 

Gli aborti a rischio sono troppi nei Paesi che fanno parte dell’Oms perché non tutti gli Stati – anzi molto pochi – hanno messo a punto normative di garanzia e anche in quelli che ce l’hanno spesso accade che si generino situazioni pericolose. 
  
Tra il 2010 e il 2014 ci sono stati in media, secondo l’ultimo dato Oms aggiornato a giugno,  56 milioni di aborti indotti (sicuri e non sicuri) in tutto il mondo ogni anno, 35 per 1000 donne di età compresa tra i 15-44 anni. 
  
In sostanza il 25% di tutte le gravidanze è sfociato in un aborto indotto, con il tasso di aborti maggiore nelle regioni in via di sviluppo che in quelle sviluppate. Di questi l’Oms stima che circa 22 milioni siano aborti non sicuri, quasi tutti effettuati nei paesi in via di sviluppo. 
  
Ogni anno secondo l’Oms, tra il 4,7% e il 13,2% delle morti materne può essere attribuito a aborti a rischio e circa 7 milioni di donne sono ricoverate ogni anno in ospedale per questo nei paesi in via di sviluppo. 
  
Il costo annuale del trattamento delle complicanze maggiori da aborti a rischio è stimato a 680 milioni di dollari. 
  
E l’Oms sottolinea che quando l'aborto indotto è eseguito da personale opportunamente addestrato utilizzando tecniche corrette è una procedura sicura, mentre  gli aborti a rischio si verificano quando una gravidanza viene portata a termine terminato da persone prive delle competenze necessarie e/o in un ambiente non conforme alle norme mediche. 
  
Quasi tutte le morti per aborto e le disabilità che spesso ne conseguono potrebbero essere evitate attraverso l'educazione sessuale, l'uso di un contraccettivi efficaci, la maggiore sicurezza, la legalizzazione dell’aborto e la cura tempestiva di complicanze. 
  
Le persone, le competenze e gli standard medici considerati sicuri per gli aborti indotti sono diversi se riguardano l'aborto medico (effettuato con i soli farmaci) o l'aborto chirurgico (eseguito con un aspiratore manuale o elettrico). Competenze e standard medici richiesti per un aborto sicuro variano anche a seconda della durata della gravidanza e dall’evoluzione nel paese dei progressi scientifici e tecnici. 
  
Le donne, incluse quelle adolescenti, con gravidanze indesiderate spesso ricorrono ad aborti a rischio quando non possono accedere agli aborti sicuri.  
  
Attualmente le barriere all'accesso all’aborto sicuro includono: 
• leggi restrittive; 
• scarsa disponibilità di servizi; 
• costo alto; 
• stigma; 
• obiezione di coscienza di operatori sanitari; 
• requisiti necessari quali: periodi di attesa obbligatori, consulenza obbligatoria, fornitura di informazioni fuorvianti, autorizzazione di terze parti, test medicalmente inutili. 
  
E gli aborti non sicuri portano a una stima di 7 milioni di complicazioni l’anno tra cui l’Oms elenca: 
• aborto incompleto (mancata rimozione o espulsione di  tutto il tessuto dall'utero); 
• emorragie (sanguinamento pesante); 
• infezione; 
• perforazione uterina (quando l'utero è perforato con un oggetto appuntito); 
• danni al tratto genitale e agli organi interni inserendo oggetti pericolosi come bastoni, ferri da maglia, o vetro rotto in vagina o ano. 
  
Nelle regioni sviluppate, si stima che 30 donne muoiano per ogni 100 000 aborti non sicuri. Questo numero sale a 220 morti ogni 100.000 aborti non sicuri nelle regioni in via di sviluppo e 520 decessi per 100.000 aborti non sicuri nell’Africa sub-sahariana. 
  
Chi è a rischio 
Qualsiasi donna con una gravidanza indesiderata che non possa accedere all'aborto sicuro è a rischio. Le donne povere hanno maggiori probabilità di avere un aborto non sicuro rispetto alle donne benestanti. I danni (e i decessi) sono maggiori quando l'aborto non sicuro viene eseguito in gravidanze avanzate. Il tasso di aborti non sicuri è superiore dove l'accesso alla contraccezione efficace e l’aborto sicuro sono limitati o non disponibili. 
  
Le principali complicanze potenzialmente letali derivanti da aborti a rischio sono emorragie, infezioni e lesioni al tratto genitale e agli organi interni. 
Gli operatori sanitari sono obbligati in questo caso a fornire cure mediche salvavita a qualsiasi donna con complicazioni legate all'aborto, compreso il trattamento delle complicanze da aborti a rischio, indipendentemente dai motivi. Tuttavia, in alcuni casi, il trattamento delle complicanze da aborto viene somministrato solo a condizione che la donna fornisca informazioni sulla persona che ha eseguito l'aborto illegale. 
  
La pratica di “estorcere” confessioni da donne in cerca di assistenza medica di emergenza a seguito di aborto illegale mette la vita delle donne a rischio, sottolinea l’Oms. Gli standard dei diritti umani delle Nazioni Unite invitano i paesi per fornire un trattamento immediato e senza condizioni di tutti coloro che cercano assistenza medica di emergenza . 
  
Gli aborti a rischio, spiega l’Oms possono essere evitati con: 
• buona educazione sessuale; 
• prevenzione della gravidanza non intenzionale attraverso l'uso di un contraccettivo efficace, compresa la contraccezione d'emergenza;  
• aborto legale. 
  
Inoltre, le morti e la disabilità da aborti a rischio possono essere ridotti attraverso la fornitura tempestiva di un trattamento di emergenza di complicazioni. 
  
Oltre ai morti e alle disabilità causate da aborti a rischio, ci sono grandi costi sociali e finanziari per le donne, le famiglie, le comunità e i sistemi sanitari. Nel 2006, è stato stimato che 680 milioni di dollari siano stati spesi nel trattamento di gravi conseguenze di aborti a rischio . Altri 370 milioni di dollari sarebbero necessari per soddisfare pienamente il bisogno di trattamento delle complicanze da aborti a rischio. 
  
La risposta dell’Oms 
L’Oms fornisce una guida tecnica e politica globale sull'uso della contraccezione per prevenire le gravidanze indesiderate, l’aborto sicuro, e il trattamento delle complicanze da aborti a rischio. Nel 2012, che ha pubblicato una guida tecnica e politica aggiornata in materia di aborto sicuro.  
  
Le raccomandazioni Oms per l’aborto sicuro si possono trovare nelle seguenti pubblicazioni: 
• Aborto sicuro: guida tecnica e politica per i sistemi sanitari 
• Manuale di pratica clinica per l'aborto sicuro 
• Ruolo dell’ operatore sanitario nel fornire assistenza per l’aborto sicuro, il post-aborto e la contraccezione (2015) 
  
Un database online interattivo contenente informazioni complete sulle leggi sull'aborto, le politiche, le norme sanitarie e le linee guida per tutti i paesi è disponibile all’indirizzo  http://www.srhr.org/abortion-policies. 
Su richiesta, l'Oms fornisce supporto tecnico ai paesi per adattare le linee guida sulla salute sessuale e riproduttiva a contesti specifici e rafforzare le politiche e i programmi nazionali in materia di contraccezione e aborto sicuro cura.

menu
menu