Associazione dei Ginecologi Italiani:
ospedalieri, del territorio e liberi professionisti

slider_medici.jpg
topbanner2b.jpg
topbanner3d.jpg
  • Aogoi
  • Notiziario
  • Terapia per l’osteoporosi migliora la sopravvivenza nel cancro mammario

Terapia per l’osteoporosi migliora la sopravvivenza nel cancro mammario

18 maggio - Una metanalisi pubblicata da Cancer ha fatto registrare dati molto interessanti relativamente al miglioramento della sopravvivenza tra le pazienti con cancro al seno che, oltre alla terapia oncologica, assumevano quella per l’osteoporosi. L’effetto antitumorale sarebbe favorito dai bifosfonati.

(Reuters Health) – Nel cancro mammario positivo ai recettori ormonali la terapia per l’osteoporosi ha fatto registrare un miglioramento della sopravvivenza senza un aumento del rischio di metastasi viscerali in donne in postmenopausa e in terapia adiuvante con inibitori dell’aromatasi (AIS) . “Tutte le donne con carcinoma mammario in fase iniziale e osteoporosi dovrebbero ricevere un bifosfonato o denosumab – dice Allan Lipton della Penn State Hershey Medical Center in Pennsylvania – L’effetto antitumorale sarebbe favorito da un bifosfonato,  come dimostra la nostra metanalisi”.

La metanalisi
Lipton e colleghi, negli studi clinici MA.27 NCIC, hanno voluto appurare se la terapia dell’osteoporosi con bifosfonati abbia influenzato i risultati di oltre 7.500 pazienti con carcinoma mammario in post-menopausa, con un’età media di 64 anni, trattate con un adiuvante AI (exemestane o anastrazolo). I ricercatori hanno scoperto che la maggior parte (85%) delle quasi 1.300 donne che lamentavano osteoporosi, ha affermato di assumere fermaci per questa patologia. Inoltre, 815 donne stavano assumendo farmaci al momento in cui è cominciata la metanalisi. I dati sono stati pubblicati su Cancer.

I risultati
Le pazienti trattate con la terapia per l’osteoporosi presentavano una significativamente migliore sopravvivenza libera da eventi (EFS) lungo tutto il follow up, rispetto alle donne che non avevano ricevuto la terapia per l’osteoporosi. Nelle donne tratte per l’osteoporosi, a cinque anni la sopravvivenza libera da eventi era dell’89%, tre punti percentuali in più rispetto a quelle con osteoporosi non trattata (86%). Le donne senza osteoporosi se la sono cavata anche meglio; l’EFS a cinque anni è stata del 92% in quelle che assumevano la terapia per l’osteoporosi e 87% in quelle che non assumevano terapia. Inoltre, il trattamento dell’osteoporosi iniziato più di 30 giorni prima della recidiva è stato associato ad un rischio del 33% inferiore di avere un evento cancro-correlato, l’osteoporosi e la terapia prolungata sono state associate ad una migliore EFS.

Fonte: Cancer

Will Boggs

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

menu
menu