Associazione dei Ginecologi Italiani:
ospedalieri, del territorio e liberi professionisti

slider_medici.jpg
topbanner2b.jpg
topbanner3d.jpg
  • Aogoi
  • Notiziario
  • Epidurale durante travaglio e parto non si lega al rischio di autismo

Epidurale durante travaglio e parto non si lega al rischio di autismo

2 ottobre - Due studi, condotti in Canada e Danimarca, smentiscono un legame tra ricorso all’analgesia epidurale durante il travaglio e il parto e il rischio che i neonati possano soffrire di autismo. Entrambi i lavori sono stati pubblicati da Jama.

(Reuters Health) – Due nuovi studi pubblicati su JAMA indicano che le donne che ricorrono all’analgesia epidurale durante il travaglio e il parto non hanno maggiori probabilità di dare alla luce un figlio con disturbo dello spettro autistico rispetto a coloro che non ricorrono a questo tipo di anestesia.

Uno studio ha esaminato i dati relativi a 388.254 bambini nati in British Columbia, Canada, tra il 1 aprile 2000 e il 31 dicembre 2014, tra cui 5.192 (1,34%) bambini autistici e 111.480 (28,7%) esposti ad analgesia epidurale durante il travaglio e il parto. Questo studio ha rilevato un lieve aumento del rischio di autismo con l’esposizione all’epidurale (hazard ratio aggiustato 1,09), ma ha concluso che ciò probabilmente era dovuto ad altri fattori confondenti.

Il secondo studio ha analizzato i dati riguardanti 479.178 bambini nati in Danimarca tra il gennaio 2006 e il dicembre 2013, tra cui 6.428 (1,3%) soggetti diagnosticati con autismo e 92.900 (19,4%) esposti all’epidurale durante il travaglio e il parto. Il lavoro ha riscontrato che tale esposizione non era significativamente associata al rischio di autismo (aHR 1,05).

"Le attuali evidenze non indicano che il ricorso all’epidurale durante il travaglio aumenta il rischio di un disturbo dello spettro autistico”, dice Cynthia Wong, professoressa, presidentessa e direttrice del dipartimento di analgesia presso la University of Iowa Healthcare e il Carver College of Medicine di Iowa City, nonché coautrice di un editoriale di accompagnamento agli studi.

Nello studio canadese, l’1,53% dei bambini esposti ad analgesia epidurale ha ricevuto diagnosi di disturbo dello spettro autistico (ASD), rispetto all’1,26% delle controparti. I ricercatori hanno effettuato aggiustamenti per dati sociodemografici, patologie materne, fattori di rischio durante la gravidanza, circostanze di travaglio, parto e caratteristiche neonatali.
Quando hanno condotto un’analisi appaiata tra le madri, non hanno rilevato alcuna associazione significativa tra uso dell’epidurale durante travaglio e parto e autismo nella progenie.

"Questa analisi appaiata controlla altri importanti fattori di rischio che hanno probabilità di rimanere costanti in una donna; ad esempio, genetica, propensione a ricorrere all’assistenza medica, ecc.”, afferma l’autrice principale, Gillian Hanley del Vancouver General Hospital.
Nello studio danese, i bambini esposti ad analgesia epidurale durante il travaglio e il parto presentavano un tasso di incidenza di autismo pari a 23,1 su 10.000 persone-anno, rispetto ai 18,5 casi su 10.000 persone-anno tra i bambini senza tale esposizione.

Fonte: JAMA

Lisa Rapaport

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

menu
menu