Associazione dei Ginecologi Italiani:
ospedalieri, del territorio e liberi professionisti

slider_medici.jpg
topbanner2b.jpg
topbanner3d.jpg
  • Aogoi
  • Notiziario
  • Eurostat. In Spagna e Italia le mamme “più anziane”: quasi il 9% ha il primo figlio a 40 o più anni

Eurostat. In Spagna e Italia le mamme “più anziane”: quasi il 9% ha il primo figlio a 40 o più anni

5 agosto - In ambedue i Paesi si registrano le percentuali più elevate di primi nati da madri in età pari o superiore ai 40 anni. L’età media delle mamme europee è comunque nel 92% dei casi tra i 20 e i 39 anni. Prima dei 20 anni si diventa mamma in percentuali significative (sopra il 10%) solo in Bulgaria e Romania. In Italia solo l’1,1% delle neo mamme ha meno di 20 anni. 

La maggior parte (92%) dei primi eventi nascita in Europa riguarda donne di età compresa tra i 20 e i 39 anni. Prima dei 20 anni partorisce il 4% delle donne e un altro 4% ha il primo figlio a 40 anni o più. Lo rileva Eurostat nella sua analisi pubblicata il 1 luglio scorso sui dati 2017.
 
Le quote più alte di nascite di primi figli da madri di età inferiore ai 20 anni sono state registrate in Bulgaria (12,5% delle nascite totali) e in Romania (12,1%), seguite da Ungheria (8,5%) e Slovacchia (8,1%).
 
Le quote più basse con percentuali inferiori al 2% di mamme under 20 si rilevano invece in Danimarca (1,0%), Italia e Slovenia (entrambi 1,1%), Paesi Bassi (1,2%), Lussemburgo e Svezia (entrambi 1,4%).
 
La Spagna e l'Italia hanno le percentuali più alte di prime nascite da madri di età pari o superiore a 40 anni.
Per quanto riguarda le madri più anziane, le percentuali più elevate di nascite di primi figli nati da donne di età pari o superiore a 40 anni sono state registrate in Spagna (8,8% delle nascite totali dei primi figli nel 2017) e in Italia (8,6%), seguite dalla Grecia (6,6%), Lussemburgo e Irlanda (entrambi 5,9%).
 
All'altra estremità della scala, meno del 2% delle nascite per la prima volta di donne di età pari o superiore a 40 anni sono state registrate in Lituania (1,3%), Polonia (1,4%), Slovacchia (1,5%) e Lettonia (1,8%). 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

menu
menu