Associazione dei Ginecologi Italiani:
ospedalieri, del territorio e liberi professionisti

slider_medici.jpg
topbanner2b.jpg
topbanner3d.jpg
  • Aogoi
  • Notiziario
  • Incontinenza urinaria femminile. Efficace l’elettroagopuntura

Incontinenza urinaria femminile. Efficace l’elettroagopuntura

24 gennaio - Uno studio cinese, articolato in due fasi, ha messo in evidenza come l’elettroagopuntura sia una metodica efficace nel trattare sia l’incontinenza urinaria femminile da stress, sia quella mista, indipendentemente dall’età. Lo studio sul Bmj Supportive and Palliative Care.

(Reuters Health) – L’elettroagopuntura (Ea) è ugualmente efficace per il trattamento dell’incontinenza urinaria da stress (Sui) di tutte le donne, anche di quelle non anziane. È quanto emerge da una nuova analisi dei dati di una sperimentazione clinica.
 
“I risultati suggeriscono che le donne con incontinenza urinaria da stress o con incontinenza urinaria mista con stress predominante mostrano una buona risposta all’elettroagopuntura e che la risposta non è correlata con l’età”, scrivono Biyun Sun e colleghi, della China Academy of Chinese Medical Sciences di Pechino, su BMJ Supportive and Palliative Care.

I ricercatori hanno condotto due precedenti studi in cui hanno scoperto che l’elettroagopuntura è sicura ed efficace per il trattamento di queste due patologie. Giacché alcuni interventi per il trattamento della incontinenza urinaria da stress possono essere meno efficaci nei pazienti più anziani, gli autori hanno eseguito un’analisi secondaria includendo tutte le 252 donne con incontinenza urinaria da stress del primo studio e 132 del secondo studio che avevano un’incontinenza mista, per un totale di 384 pazienti.

Le evidenze. Tra le 371 donne che hanno terminato le due fasi dello studio, il 24% aveva 60 anni o più. L’outcome primario del lavoro, una riduzione del 50% o maggiore della frequenza media degli episodi di incontinenza (Ief) in 72 ore dal basale a sei settimane, è stato raggiunto dal 57,3% delle partecipanti più anziane e dal 60,7% del gruppo più giovane; una differenza non statisticamente significativa. I risultati sono stati simili alle settimane 4, 16 e 28.

Le misure tra cui gli episodi di incontinenza a 72 ore, la quantità di urina e il questionario di consultazione internazionale sull’incontinenza, hanno mostrato cali significativi simili nel tempo nei gruppi più giovani e in quelli più anziani. Gli eventi avversi si sono verificati nel 2,17% delle pazienti più anziane e nell’1,37% di quelle più giovani, e nessuno è stato severo.

Fonte: Bmj Supportive and Palliative Care

Reuters Staff
 
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

 

 

menu
menu