Associazione dei Ginecologi Italiani:
ospedalieri, del territorio e liberi professionisti

slider_medici.jpg
topbanner2b.jpg
topbanner3d.jpg
  • Aogoi
  • Notiziario
  • Ipertensione: nelle donne compare prima e progredisce più rapidamente

Ipertensione: nelle donne compare prima e progredisce più rapidamente

24 gennaio - Un nuovo studio longitudinale – condotto dal Cedars Sinai Medical Center di Los Angeles – ha rilevato che le variazioni dal punto di vista vascolare, come l’aumento della pressione sanguigna, si sviluppano prima e progrediscono più rapidamente nelle donne rispetto agli uomini.

(Reuters Health)  - Con l’obiettivo di studiare la salute dei vasi sanguigni e le eventuali differenze di genere, Susan Cheng e colleghi - del Cedars Sinai Medical Center di Los Angeles - hanno analizzato i dati sulla pressione, raccolti in 43 anni, relativi a quasi 33.000 persone (il 54% di sesso femminile) con un’età compresa tra i 5 e i 98 anni, per un totale di 144.599 osservazioni. Le misure includevano pressione sistolica, pressione diastolica, pressione arteriosa media e pressione differenziale.
 
I risultati
Come riportato in JAMA Cardiology, è emerso che le donne presentavano un aumento più marcato della pressione sanguigna, che iniziava durante la terza decade e continuava per il resto della vita.
 
Dopo l’aggiustamento dei dati per fattori di rischio per malattie cardiovascolari, come colesterolo totale, diabete di tipo 2 e status di fumatore, i tassi di aumento in tutte le misurazioni della pressione sanguigna risultavano attenuati per entrambi i sessi, come previsto, quando confrontati con le traiettorie non aggiustate della pressione sanguigna. In ogni caso queste traiettorie sono rimaste più elevate nelle donne che negli uomini nel corso della vita.
 
Le tendenze sono risultate simili in analisi secondarie stratificate per etnia, coorte e uso di farmaci antipertensivi. Tuttavia ulteriori analisi hanno mostrato che l’incidenza di gravi eventi cardiovascolari di nuova insorgenza era più elevata negli uomini che nelle donne (29,7% vs. 20,5%).
 
“Dobbiamo tutti lavorare sul coinvolgimento di ogni paziente in merito all’importanza di essere consapevoli della propria pressione sanguigna, considerandola come una misura della salute cardiovascolare, e agendo appropriatamente appena vediamo che i livelli pressori iniziano ad aumentare”, osserva Cheng, “Soprattutto giovani e adulti di mezza età devono essere più consapevoli che l’ipertensione non è solo una patologia che colpisce in età avanzata; può insorgere da giovani e, quando questo accade, è particolarmente importante iniziare il trattamento”.
 
Fonte: JAMA Cardiology
 
Marilynn Larkin
 
(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

 

menu
menu