Associazione dei Ginecologi Italiani:
ospedalieri, del territorio e liberi professionisti

slider_medici.jpg
topbanner2b.jpg
topbanner3d.jpg
  • Aogoi
  • Notiziario
  • Italia in semi lockdown fino al 6 gennaio. Feste e prefestivi spostamenti vietati, giorni feriali con parziale libertà di movimento. Conte: “Decisione sofferta ma necessaria per cautelarci meglio”

Italia in semi lockdown fino al 6 gennaio. Feste e prefestivi spostamenti vietati, giorni feriali con parziale libertà di movimento. Conte: “Decisione sofferta ma necessaria per cautelarci meglio”

19 dicembre - Il Governo ha approvato un nuovo decreto legge che stabilisce specifiche misure a partire dal 24 dicembre. Stanziati altri 645 milioni di euro per il sostegno a bar e ristoranti che saranno chiusi nei giorni festivi e prefestivi fino al 6 gennaio compreso. In questi giorni ci si potrà spostare solo per necessità. Deroga per visite a parenti e amici ma massimo in due persone per volta più eventuali minori di 14 anni. Negli altri giorni ci si potrà muovere a piacimento e anche tra piccoli comuni. IL DECRETOLE MISURE

Il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte e del Ministro della salute Roberto Speranza, ha approvato venerdì notte un decreto-legge che introduce ulteriori disposizioni urgenti per fronteggiare i rischi sanitari connessi alla diffusione del virus COVID-19.
 
Ferme restando le disposizioni già introdotte dal decreto-legge 2 dicembre 2020, n. 158, in materia di spostamenti all’interno o per il territorio nazionale nel periodo compreso tra il 21 dicembre 2020 e il 6 gennaio 2021, il testo prevede che:
nei giorni festivi e prefestivi compresi tra il 24 dicembre 2020 e il 6 gennaio 2021, sull’intero territorio nazionale, si applicano le misure previste dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 3 dicembre 2020 per le cosiddette “zone rosse”, cioè le aree caratterizzate da uno scenario di massima gravità e da un livello di rischio alto;
 
nei giorni 28, 29, 30 dicembre 2020 e 4 gennaio 2021, sull’intero territorio nazionale, si applicano le misure previste dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 3 dicembre 2020 per le cosiddette “zone arancioni”, cioè le aree caratterizzate da uno scenario di elevata gravità e da un livello di rischio alto. Negli stessi giorni, sono tuttavia consentiti gli spostamenti dai Comuni con popolazione massima di 5.000 abitanti verso località distanti non più di 30 chilometri, con esclusione in ogni caso degli spostamenti verso i capoluoghi di provincia;
 
oltre agli spostamenti già consentiti, nel periodo compreso tra il 24 dicembre 2020 e il 6 gennaio 2021, tra le ore 5.00 e le ore 22.00, è consentito, una sola volta al giorno, spostarsi, in un massimo di due persone, verso una sola abitazione privata della propria regione. Alla persona o alle due persone che si spostano potranno accompagnarsi i figli minori di 14 anni (o altri minori di 14 anni sui quali le stesse persone esercitino la potestà genitoriale) e le persone disabili o non autosufficienti che con queste persone convivono.
 
Il decreto, infine, prevede lo stanziamento di 645 milioni di euro da destinare al ristoro immediato delle attività di somministrazione di alimenti e bevande che vedranno un calo del fatturato a causa delle misure disposte a tutela della salute. Tali attività riceveranno un contributo pari a quello già ottenuto in seguito all’approvazione del cosiddetto “decreto rilancio” (decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34).
 
"Quella che abbiamo preso - ha detto il presidente del Consiglio ieri notte presentando il provvedimento alla stampa e in diretta TV e social - è stata una decisione non facile, sofferta. Ma dobbiamo rafforzare il regime di misure necessarie per cautelarci meglio anche in vista della ripresa delle attività di gennaio".

 

Ecco le misure di precauzione anti Covid in base al nuovo decreto legge e alle altre norme già in vigore a partire dal 21 dicembre:
 
Dal 21 dicembre al 6 gennaio 
Restano vietati gli spostamenti tra Regioni, compresi quelli verso le seconde case.
 
ZONA ROSSA IN TUTTA ITALIA
I giorni 24, 25, 26, 27 e 31 dicembre 2020 e 1, 2, 3, 5 e 6 gennaio 2021
 
Ci si potrà spostare solo per lavoro, salute e necessità primarie
 
Resta in vigore coprifuoco dalle ore 22 alle ore 5 del mattino
 
Restano aperti: Supermercati - Beni alimentari e Prima necessità Farmacie e Parafarmacie Edicole - Tabaccherie - Lavanderie - Parrucchieri – Barbieri
 
Saranno invece chiusi: Negozi - Centri estetici - Bar e Ristoranti
Ma saranno consentiti asporto (fino alle ore 22) e consegne a domicilio (senza restrizioni)
 
Attività motoria consentita nei pressi della propria abitazione
 
L’attività sportiva all’aperto è consentita ma solo in forma individuale
 
 
ZONA ARANCIONE IN TUTTA ITALIA
I giorni 28, 29, 30 dicembre 2020 e 4 gennaio 2021
 
Consentiti gli spostamenti all’interno del proprio comune.
Dai piccoli Comuni (fino a 5mila abitanti) in un raggio di 30km senza poter andare nei Comuni capoluoghi di provincia
 
Restano chiusi Bar e Ristoranti. Consentiti asporto (fino alle ore 22) e consegne a domicilio (senza restrizioni)
 
Negozi resteranno aperti fino alle 21
 
DEROGA PER  ANDARE A TROVARE AMICI E PARENTI (MAX 2 PERSONE PER VOLTA)
Valida dal 24 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021
Oltre agli spostamenti già consentiti, nel periodo compreso tra il 24 dicembre 2020 e il 6 gennaio 2021, tra le ore 5.00 e le ore 22.00, è consentito, una sola volta al giorno, spostarsi, in un massimo di due persone, verso una sola abitazione privata della propria regione.
Alla persona o alle due persone che si spostano potranno accompagnarsi i figli minori di 14 anni (o altri minori di 14 anni sui quali le stesse persone esercitino la potestà genitoriale) e le persone disabili o non autosufficienti che con queste persone convivono.
 
QUANDO SERVE L’AUTOCERTIFICAZIONE (SCARICA QUI IL MODULO DEL MIN. INTERNO)
Occorre compilarla e presentarla a richiesta delle Forze dell'Ordine in tutti i casi ove esistono limiti alla circolazione.
Quindi nel periodo in zona rossa per qualsiasi spostamento, in qualsiasi ora del giorno. Nel periodo in zona arancione solo in caso di spostamenti nella fascia soggetta a coprifuoco tra le 22 e le 5 del mattino.
L'autocertificazione per motivi di salute, lavoro e necessità, servirà inoltre in caso di spostamento al di fuori del Comune o della Regione nei giorni in cui tali spostamenti sono vietati e servirà anche per gli spostamenti individuali (sempre nel limite di due persone) per visite a parenti e amici durante la fase rossa.

 

 

menu
menu