Associazione dei Ginecologi Italiani:
ospedalieri, del territorio e liberi professionisti

slider_medici.jpg
topbanner2b.jpg
topbanner3d.jpg

Premio Margherita 3° Edizione

Premio Margherita 3° Edizione

Photo by Modestas Urbonas, CC0 License

WEBINAR – 3° PREMIO MARGHERITA

PRIMO ANNUNCIO

Dopo la grande partecipazione l’anno scorso al 2° Premio Margherita che ha visto partecipare più di 20 gruppi di studenti manterremo la stessa formula per l’anno 2022 per la 3° edizione del premio creato e sostenuto dal Gruppo Emergenze Ostetriche (GEO).

Si tratta di una competizione amichevole tra gruppi di studenti di ostetricia delle università italiane per la migliore lezione su un argomento di interesse ostetrico da presentare durante un webinar nazionale. Tutte le lezioni preparate dai gruppi di studenti saranno raccolte, messe in rete e preventivamente consultabili nel sito webmeetings.online e la votazione con premiazione avverrà durante il webinar nel mese di settembre 2022.

 

COME SI PROCEDE

1. si costituisce un numero massimo di 5 studenti della laurea in ostetricia o della specializzazione in ginecologia ed ostetricia delle università italiane;

2. si individua un argomento ostetrico di fisiologia o di patologia di qualunque fase del percorso nascita (dal concepimento al puerperio);

3. si invia titolo e breve summary a info@gruppoemergenzeostetriche.it;

4. si attende conferma di accettazione del titolo;

5. si prepara una lezione di 15 minuti sia in versione in italiano che in versione in lingua inglese corredata di slides con le modalità ricevute dal nostro gruppo tecnico (info@tigicongress.com) e con il suo supporto;

6. le lezioni così registrate verranno messe in rete e saranno accessibili a tutti e divulgate via web;

7. nel mese di settembre 2022 in data da stabilirsi ogni gruppo partecipante avrà un minuto per ricordare ai votanti in rete la propria lezione già da tempo disponibile in rete open access;

8. la votazione avverrà in diretta e la proclamazione dei 3 gruppi vincitori sarà immediata.

 

I PREMI

Il primo premio consiste nell’invio a ogni partecipante (massimo 5) del gruppo vincitore
di tutti i volumi GEO editi da Piccin e una giornata di formazione sui simulatori nel laboratorio del gruppo Geo a Gandino (BG).

Il secondo premio consiste nell’invio a ogni partecipante (massimo 5) del gruppo vincitore di tre volumi GEO editi da Piccin e una giornata di formazione sui simulatori nel laboratorio del gruppo Geo a Gandino (BG).

Il terzo premio consiste nell’invio a ogni partecipante (massimo 5) del gruppo vincitore
di un volume GEO edito da Piccin e una giornata di formazione sui simulatori nel laboratorio del gruppo Geo a Gandino (BG).

 

LE ORIGINI DEL PREMIO MARGHERITA

Il premio nasce da un evento drammatico: la morte per un errore assistenziale nel post operatorio di Margherita la bimba di otto anni figlia di una nostra collega. Margherita era nata con una malformazione che aveva richiesto un sistema permanente di drenaggio del liquido cefalorachidiano e sebbene necessitasse di una carrozzina era piena di interessi e molto legata alla vita tanto da partecipare talvolta come mascotte ai nostri corsi di aggiornamento.

All’età di otto anni si rese necessaria la sostituzione della valvola di drenaggio cerebrale e l’intervento fu eseguito senza problemi. Sfortunatamente nel corso della notte la valvola si bloccò e subentrò una ipertensione endocranica purtroppo diagnosticata tardivamente dal personale di assistenza. L’intervento chirurgico di salvataggio fu di conseguenza inefficace e Margherita morì dopo qualche giorno e alcuni suoi organi furono donati. La madre di Margherita non sporse denuncia ma seguì un percorso diverso consapevole che l’eventuale condanna a distanza di anni degli operatori involontariamente coinvolti non sarebbe sicuramente servita a migliorare le prestazioni assistenziali di quell’ospedale e neppure a lenire il dolore inesauribile per la perdita della figlia.

La mamma di Margherita propose alla dirigenza del reparto ospedaliero di progettare un percorso di miglioramento finalizzato a impedire che altri errori si ripetessero e altra sofferenza si riproducesse. Questo percorso ancora in atto è basato sulla formazione continua del personale, sul miglioramento delle procedure assistenziali e sulla verifica costante dei risultati ottenuti. Anche noi pensiamo che l’astensione da un contenzioso medicolegale se compensata dall’impegno rigoroso e sottoposto a verifica costante a realizzare tutte le procedure necessarie per evitare altri errori futuri da parte della struttura responsabile potrebbe essere la strada più adeguata da percorrere per una sanità migliore.

Aspettiamo i vostri video con le vostre lezioni!

A presto
Claudio ed Antonio a nome di tutto il gruppo GEO

menu
menu