Associazione dei Ginecologi Italiani:
ospedalieri, del territorio e liberi professionisti

slider_medici.jpg
topbanner2b.jpg
topbanner3d.jpg
  • Aogoi
  • Notiziario
  • Covid. In una settimana altri 120mila italiani si sono vaccinati (prima dose) ma ne restano ancora 6,7 mln non vaccinati. Tra i 12-19 e 40-49 anni la quota maggiore di no vax. Il report del Governo

Covid. In una settimana altri 120mila italiani si sono vaccinati (prima dose) ma ne restano ancora 6,7 mln non vaccinati. Tra i 12-19 e 40-49 anni la quota maggiore di no vax. Il report del Governo

19 novembre - Le fasce d'età rimaste più indietro nella somministrazione della prima dose sono quella dei 12-19 anni (mancano all'appello il 24,67%) che ha però potuto aderire solo dalla scorsa estate alla campagna vaccinale e, soprattutto, quella 40-49 anni (15,74% di non vaccinati) e 30-39 anni (15,26% di non vaccinati). Intanto sono state somministrate 3 milioni di dosi di richiamo e 595mila di dosi addizionali. IL REPORT

Sono 6.707.713 gli over 12 a non aver ricevuto ancora neanche una dose di vaccino contro il Covid (erano 6.827.928 una settimana fa). Le fasce d'età rimaste più indietro sono quella dei 12-19 anni (mancano all'appello il 24,67%) che ha però potuto aderire solo dalla scorsa estate alla campagna vaccinale e, soprattutto, quella 40-49 anni (15,74% di non vaccinati) e 30-39 anni (15,26% di non vaccinati). Questi i dati contenuti nel report settimanale del Governo sull'andamento della campagna vaccinale.
 
Over 80. In questa fascia d'età il 95,44% ha già ricevuto la prima dose o dose unica di vaccino contro il Covid o è guarito. Ultima a livello di adesioni è la Calabria con l'82,46%, mentre sfiorano il 100% Toscana, Veneto, PA Trento, Lazio ed Emilia Romagna.

70-79. Qui si è arrivati al 92,83% tra coloro che hanno ricevuto almeno una dose di vaccino o la dose unica o sono guariti. Chiudono la classifica Calabria con l'86,80%, mentre il primato va alla Basilicata con il 97,85%.

 

60-69. Qui l'90,50% delle persone ha ricevuto la prima dose o la dose unica o sono guarite. In fondo troviamo solo la Sicilia con il 85,81%, mentre il primato va alla Puglia con il 96,13%.

 

50-59. L'87,79% ha ricevuto la prima dose o dose unica o è guarito. Il tasso più basso di vaccinazioni si registra in Calabria con l'83,68%. Primeggia il Molise con il 93,89%.

 

40-49. L'84,26% ha già ricevuto la prima dose di vaccino o la dose unica o è guarito. Fanalino di coda la Valle d'Aosta con il 80,42%. Guida la classifica il Molise con l'89%.

 

30-39. Qui si è arrivati al 84,74% tra coloro che hanno ricevuto la prima dose o la dose unica di vaccino o sono guariti. La copertura più alta la troviamo in Toscana con l'89,86%. Chiude la classifica la Sicilia con il 78,18%.

 

20-29. L'89,84% ha ricevuto la prima dose o dose unica o è guarito. A guidare la PA Trento con il 97,55%, mentre in coda troviamo la Sicilia con il 80,58%.

 

12-19. Il 75,53% ha ricevuto la prima dose o dose unica di vaccino o è guarito. Il numero più alto si registra in Sardegna con il 82,68%, mentre il più basso sempre a Bolzano con il 62,91%.

 

 
Terza dose addizionale e booster. Ad oggi, tra dosi addizionali e richiami, sono 3.595.211 le terze dosi somministrate. In dettaglio: 595.010 dosi addizionali, pari al 66,45% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale e 3.000.201 dosi di richiamo pari al 58,47% della popolazione potenzialmente oggetto di dose booster che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno sei mesi.

 

menu
menu