Associazione dei Ginecologi Italiani:
ospedalieri, del territorio e liberi professionisti

slider_medici.jpg
topbanner2b.jpg
topbanner3d.jpg
  • Aogoi
  • Notiziario
  • Steroidi. Loro utilizzo aumenta la sopravvivenza dei bambini prematuri in Paesi a basso reddito

Steroidi. Loro utilizzo aumenta la sopravvivenza dei bambini prematuri in Paesi a basso reddito

31 ottobre - L'impatto è significativo: per ogni 25 donne in gravidanza trattate con desametasone, è stata salvata la vita di un bambino prematuro. Quando somministrato a madri a rischio di parto pretermine, il desametasone attraversa la placenta e accelera lo sviluppo polmonare, rendendo meno probabile che i bambini prematuri abbiano problemi respiratori alla nascita. Questo quanto riportato dallo studio Who ACTION-I pubblicato sul New England Journal of Medicine.

I risultati di un nuovo studio clinico, pubblicato sul New England Journal of Medicine, mostrano che il desametasone, un glucocorticoide utilizzato per trattare diverse patologie, inclusi problemi reumatici e Covid-19, può aumentare la sopravvivenza dei bambini prematuri quando somministrato a donne in gravidanza a rischio di parto pretermine in contesti con poche risorse.
 
Lo studio Who ACTION-I risolve una controversia in corso sull'efficacia degli steroidi prenatali per migliorare la sopravvivenza dei neonati pretermine nei paesi a basso reddito. Il desametasone e farmaci simili hanno dimostrato da tempo di essere efficaci nel salvare le vite dei bambini prematuri nei paesi ad alto reddito, dove l'assistenza neonatale di alta qualità è più accessibile. Questa è la prima volta che una sperimentazione clinica ha dimostrato che i farmaci sono efficaci anche in contesti a basso reddito.
 
L'impatto è significativo: per ogni 25 donne in gravidanza trattate con desametasone, è stata salvata la vita di un bambino prematuro. Quando somministrato a madri a rischio di parto pretermine, il desametasone attraversa la placenta e accelera lo sviluppo polmonare, rendendo meno probabile che i bambini prematuri abbiano problemi respiratori alla nascita.
 
"Il desametasone è un farmaco con il quale poter salvare i bambini nati prematuri in contesti a basso reddito", afferma Olufemi Oladapo, capo dell'unità di salute materna e perinatale presso l'Oms e Hrp, e uno dei coordinatori dello studio. "Ma è efficace solo se somministrato da operatori sanitari che possono prendere decisioni tempestive e accurate e fornire un pacchetto minimo di cure di alta qualità sia per le donne incinte che per i loro bambini".
 
A livello globale, la prematurità è la principale causa di morte nei bambini di età inferiore ai 5 anni. Si stima che ogni anno circa 15 milioni di bambini nascano troppo presto e 1 milione muoia a causa di complicazioni derivanti proprio dalla nascita precoce. Negli ambienti a basso reddito, la metà dei bambini nati a 32 settimane o meno muore a causa della mancanza di cure praticabili ed economiche.
 
Lo studio osserva che gli operatori sanitari devono avere i mezzi per selezionare le donne che hanno maggiori probabilità di trarre beneficio dal farmaco e iniziare correttamente il trattamento al momento giusto - idealmente 48 ore prima del parto per dare abbastanza tempo per completare le iniezioni di steroidi per ottenere il massimo effetto. Le donne che sono nelle settimane 26-34 della loro gravidanza hanno maggiori probabilità di beneficiare dello steroide, quindi gli operatori sanitari devono anche avere accesso agli ultrasuoni per datare con precisione le gravidanze. Inoltre, i bambini devono ricevere cure di qualità sufficientemente buona quando nascono.
 
"Quando nei paesi a basso reddito è disponibile un pacchetto minimo di cure per i neonati, che include la gestione dell'infezione, il supporto alimentare, l'assistenza termica e l'accesso a una macchina CPAP per supportare la respirazione, gli steroidi prenatali come il desametasone possono aiutare a salvare i pretermine. vite dei bambini ", dice Rajiv Bahl, capo dell'unità sanitaria dei neonati presso l'Oms e uno dei coordinatori dello studio.
 
Condotto da dicembre 2017 a novembre 2019, lo studio randomizzato ha reclutato 2852 donne e i loro 3070 bambini da 29 ospedali di livello secondario e terziario in Bangladesh, India, Kenya, Nigeria e Pakistan. Oltre a trovare un rischio significativamente inferiore di morte neonatale e natimortalità, lo studio ha anche scoperto che non vi è stato alcun aumento di possibili infezioni batteriche materne durante il trattamento di donne in gravidanza con desametasone in contesti con poche risorse.

 

 

menu
menu