Associazione dei Ginecologi Italiani:
ospedalieri, del territorio e liberi professionisti

slider_medici.jpg
topbanner2b.jpg
topbanner3d.jpg

Linee guida Fondazione Confalonieri Ragonese

Photo by Modestas Urbonas, CC0 License

La Fondazione Confalonieri Ragonese vuole essere un luogo nel quale sviluppare un percorso di valorizzazione del pensiero ginecologico, attraverso la sintesi delle conoscenze in materia scientifica, assistenziale e legislativa. Tale attività si esprimerà con la produzione costantemente aggiornata di documenti che possano supportare i professionisti nel loro agire quotidiano e contestualmente orientare le Istituzioni per le scelte che sono chiamate a compiere in campo normativo...

PREFAZIONE
La Fondazione Confalonieri Ragonese vuole essere un luogo nel quale sviluppare un percorso di valorizzazione
del pensiero ginecologico, attraverso la sintesi delle conoscenze in materia scientifica, assistenziale
e legislativa. Tale attività si esprimerà con la produzione costantemente aggiornata di documenti
che possano supportare i professionisti nel loro agire quotidiano e contestualmente orientare le Istituzioni
per le scelte che sono chiamate a compiere in campo normativo.
L’obiettivo che la Fondazione si prefigge è quello di ottimizzare i percorsi diagnostico‑terapeutici elaborati
dalle Società Scientifiche SIGO‑AOGOI‑AGUI, senza trascurare l’eventualità che Istituzioni pubbliche e
Aziende private possano commissionare studi su tematiche specifiche.
In accordo con la terminologia adottata dalla comunità scientifica internazionale, la produzione documentale
della Fondazione sarà costituita da:
1. Dichiarazioni: indicazioni per la buona pratica clinica su temi che verranno sollevati dalle Società
Scientifiche e che dovranno tenere conto di una loro immediata applicabilità ai contesti lavorativi.
Esprimono il consenso dei partecipanti al gruppo di studio intorno ad una posizione comune.
2. Opinioni: documenti che esprimono la posizione di SIGO‑AOGOI‑AGUI su argomenti di attualità in
campo scientifico, orientati a fornire un’indicazione per il presente ma anche un orientamento per le
procedure future.
3. Linee Guida: risultato di un lavoro collettivo di esame su specifiche condizioni cliniche, allo scopo di
fornire al professionista raccomandazioni sul processo decisionale. Esse, per definizione, non sono
vincolanti, devono piuttosto, attraverso la revisione sistematica della letteratura, fornire un supporto
a scelte che comunque tengano conto delle necessità della paziente, delle risorse disponibili e degli
elementi di contesto locale che ne possono condizionare l’applicazione.
Il Presidente
Fabio Sirimarco

 

 

 

LINEE GUIDA ‘INDUZIONE AL TRAVAGLIO’

LINEE GUIDA ‘INDUZIONE AL TRAVAGLIO’

Fondazione Confalonieri Ragonese su mandato SIGO, AOGOI, AGUI

Facilitatore Y. Meir

Il progressivo incremento del ricorso all’induzione del travaglio di parto (ITP) non è giustificato da un parallelo incremento di condizioni cliniche indicanti il ricorso a questo intervento. Queste linee guida vogliono essere un supporto pratico-clinico agli operatori che assistono le donne in gravidanza sui quesiti più controversi riguardanti l’ITP.

LINEE GUIDA ‘GESTIONE DEL PARTE PRETERMINE’

LINEE GUIDA ‘GESTIONE DEL PARTE PRETERMINE’

Fondazione Confalonieri Ragonese su mandato SIGO, AOGOI, AGUI

Facilitatore A. Regalia

La gestione del parto pretermine impegna una quantità rilevante di risorse economiche e sociali, soprattutto se la gestione non è corretta. Queste linee guida vogliono essere un supporto pratico-clinico per gli operatori del settore, non limitate alla gestione della situazione clinica corrente, bensì estese, per quanto possibile, alla prevenzione primaria e secondaria.

LINEE GUIDA ‘GESTIONE DELLA GRAVIDANZA MULTIPLA’

LINEE GUIDA ‘GESTIONE DELLA GRAVIDANZA MULTIPLA’

Fondazione Confalonieri Ragonese su mandato SIGO, AOGOI, AGUI

Facilitatore A. Ragusa  

La gravidanza multipla, percepita dalla donna e dalla coppia come un evento lieto, costituisce in realtà un rischio per salute della donna stessa e dei nascituri, ed è legata soprattutto alla prematurità. Queste linee guida vogliono essere un sopporto pratico nel il percorso decisionale e di counselling per coloro che affrontano questa problematica nella pratica clinica quotidiana. 

GESTIONE MULTIDISCIPLINARE DELL’EMORRAGIA POST-PARTUM

GESTIONE MULTIDISCIPLINARE DELL’EMORRAGIA POST-PARTUM

Il presente algoritmo di intervento è frutto della discussione, della condivisione e della armonizzazione delle pratiche terapeutiche di diverse specialità che, in momenti e con competenze differenti, sono coinvolte nella gestione dell’emorragia post-partum (EPP). Per partorienti affette da patologie congenite della coagulazione o da patologie che possano direttamente interferire con la stessa, vanno presi in considerazione il coinvolgimento di altri specialisti nonché misure terapeutiche non riportate nel presente algoritmo.

 

 

menu
menu