Associazione dei Ginecologi Italiani:
ospedalieri, del territorio e liberi professionisti

slider_medici.jpg
topbanner2b.jpg
topbanner3d.jpg
  • Aogoi
  • Notiziario
  • Allattamento al seno. Cinque Stelle chiedono istituzione Giornata nazionale e il raddoppio dei periodi di riposo per le madri lavoratrici

Allattamento al seno. Cinque Stelle chiedono istituzione Giornata nazionale e il raddoppio dei periodi di riposo per le madri lavoratrici

9 dicembre - Prevedere riposi orari per allattamento di quattro ore, anziché di due, come oggi, per le madri lavoratrici durante i primi 6 mesi di vita del neonato. E istituire, all'interno della settimana mondiale per l’allattamento materno (Sam) dal primo al 7 ottobre di ogni anno, il 5 ottobre come Giornata nazionale. Queste le proposte contenute nei due provvedimenti presentati oggi dal senatore Raffaele Mautone. TESTO GIORNATA NAZIONALETESTO RIPOSI GIORNALIERI.

Istituire il 5 ottobre Giornata nazionale per la promozione dell'allattamento al seno, all'interno della settimana mondiale per l’allattamento materno (Sam) dal primo al 7 ottobre di ogni anno, e raddoppiare, per i primi sei mesi di vita del bambino, la durata del periodo di riposo della mamma stabilendo riposi orari per allattamento di quattro ore, anziché di due, come si prevede oggi.

 

E' questa la ricetta, contenuta in due disegni di legge, del senatore del MoVimento 5 Stelle, Raffaele Mautone, componente della Commissione Igiene e Sanità di Palazzo Madama, per promuovere l'allattamento al seno.
 
I provvedimenti sono stati presentati la settimana scorsa a Roma durante la conferenza stampa "Allattamento al seno, un gesto naturale da promuovere. Dal Parlamento arriva un aiuto per le mamme", con il presidente della Sip Alberto Villani, il vicepresidente nazionale Fimp Antonio D'Avino, il vicepresidente della Sip Campania Raffaele Maiello e il vice ministro della Salute Pierpaolo Sileri.
 
"Da pediatra - ha spiegato Mautone - la mia azione politica è sempre stata rivolta al benessere dei bambini e delle mamme. Il mio obiettivo è creare una cooperazione costante tra società scientifiche, istituzioni e pediatri per rispondere a tutte le richieste dei cittadini e, nello specifico, dei neogenitori. Il latte materno è unico nel suo genere. Sappiamo che riduce il rischio di mortalità per malattie infettive, riduce l'allergia al latte vaccino, il rischio di obesità, di ipertensione e di ipercolesterolemia in età adulta. Per questo bisogna agire su due fronti: promuovere l'importanza di allattare al seno, laddove non vi sono patologie che lo impediscono, e aiutare le mamme a poterlo fare. Gli ultimi risultati del 'Sistema di sorveglianza sui determinanti di salute nella prima infanzia', coordinato dall'Istituto superiore di sanità (Iss) ci dicono che sono ancora pochi i bimbi allattati in modo esclusivo per il tempo raccomandato dall'Oms. Insomma, bisogna intervenire, sicuramente attraverso misure di promozione, ma anche aiutando chi vorrebbe farlo ma, per ragioni lavorative, non riesce a farlo". 

 

 

menu
menu