Associazione dei Ginecologi Italiani:
ospedalieri, del territorio e liberi professionisti

slider_medici.jpg
topbanner2b.jpg
topbanner3d.jpg
  • Aogoi
  • Notiziario
  • Covid. Valle d’Aosta, Campania, Toscana, Pa Bolzano scendono in area arancione. Emilia Romagna, FVG, Marche, Puglia e Umbria vanno in area gialla. Speranza firma nuove ordinanze

Covid. Valle d’Aosta, Campania, Toscana, Pa Bolzano scendono in area arancione. Emilia Romagna, FVG, Marche, Puglia e Umbria vanno in area gialla. Speranza firma nuove ordinanze

5 dicembre - Rallenta la velocità di trasmissione del virus. L'indice Rt medio scende a 0,91 e si assesta sopra 1 solo in Calabria, Lazio, Molise, Toscana e Veneto. La classificazione del rischio resta "Alta" solo in Calabria, Puglia e Sardegna. Quasi tutta Italia in scenario 1 ad eccezione di Lazio, Molise e Veneto in scenario 2. Ma "l’incidenza rimane ancora troppo elevata per permettere una gestione sostenibile, necessario raggiungere livelli di trasmissibilità significativamente inferiori a 1 su tutto il territorio e una riduzione della pressione sui servizi sanitari". Il nuovo Monitoraggio settimanale. IL REPORT

La situazione epidemiologica in Italia continua a migliorare. La velocità di trasmissione dell’epidemia ha raggiunto livelli di Rt inferiori a 1 in molte Regioni. L'indice Rt medio scende a 0,91 si assesta sopra 1 solo in Calabria, Lazio, Molise, Toscana e Veneto. La classificazione del rischio resta "Alta" solo in Calabria, Puglia e Sardegna. Quasi tutta Italia in scenario 1 ad eccezione di Lazio, Molise e Veneto in scenario 2.

Inoltre, per la seconda settimana consecutiva, l’incidenza (dati flusso ISS) calcolata negli ultimi 14 gg è diminuita a livello nazionale. "Questi dati sono incoraggianti e confermano l’impatto delle misure di mitigazione realizzate nelle ultime settimane; queste si accompagnano con una diminuzione nelle ospedalizzazioni in area medica e in terapia intensiva; tuttavia, la pressione sui servizi ospedalieri è ancora molto elevata".

In 14 Regioni non sono state riportate allerte di resilienza dei servizi sanitari assistenziali, un calo significativo rispetto alle ultime settimane. Nelle rimanenti 7 Regioni, solo Sardegna e Sicilia riportano molteplici allerte di resilienza.

Si segnala una "diffusa difficoltà nel mantenere elevata la qualità dei dati" per tempestività e completezza. Il dato analizzato è relativo al 23-29 novembre. "Questo può portare ad una possibile sottostima di velocità di trasmissione e incidenza".

A fare il punto della situazione è la Cabina di regia dopo la riunione per il monitoraggio settimanale. Alla luce di questi nuovi dati il Ministro della Salute Roberto Speranza, ha firmato tre nuove ordinanze che prevedono una per Valle d’Aosta, Campania, Toscana, Pa Bolzano un transito dall'area rossa a quella arancione. 

 

Un'altra che dispone per Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Marche, Puglia e Umbria da area arancione ad area gialla. 

Firmata poi una terza ordinanza che conferma per l’Abruzzo la permanenza in area rossa e per Basilicata, Calabria, Lombardia e Piemonte quella in area arancione.

Ma non bisogna abbassare la guardia. "L’incidenza rimane ancora troppo elevata per permettere una gestione sostenibile, pertanto è necessario raggiungere livelli di trasmissibilità significativamente inferiori a 1 su tutto il territorio nazionale consentendo una ulteriore diminuzione nel numero di nuovi casi di infezione e, conseguentemente, una riduzione della pressione sui servizi sanitari territoriali ed ospedalieri", si legge nel monitoraggio.

"Per questo motivo questo andamento deve portare alla massima attenzione nella adozione e rispetto delle misure, evitarne un rilassamento prematuro e mantenere elevata l’attenzione nei comportamenti. Si conferma pertanto la necessità di mantenere la drastica riduzione delle interazioni fisiche tra le persone. È fondamentale che la popolazione eviti tutte le occasioni di contatto con persone al di fuori del proprio nucleo abitativo che non siano strettamente necessarie e di rimanere a casa il più possibile".

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

menu
menu