Associazione dei Ginecologi Italiani:
ospedalieri, del territorio e liberi professionisti

slider_medici.jpg
topbanner2b.jpg
topbanner3d.jpg

Coronavirus. Lockdown fino al 3 maggio, poi si vedrà

18 aprile – Conte: "Se cedessimo ora, potremmo perdere tutti i risultati positivi ottenuti. Sarebbe una grande frustrazione per tutti e saremmo costretti a ricominciare da capo". Rispetto al precedente Dpcm  è stata inserita qualche apertura: dal 14 aprile aperte cartolibrerie, librerie e negozi per neonati. Lo stesso per qualche altra attività produttiva come la silvicoltura e varie attività forestali. IL TESTO DEL DPCM

"Proroghiamo le misure restrittive fino al 3 maggio. È stata una decisione difficile ma necessaria per la quale mi assumo tutta la responsabilità politica. I risultati della curva dei contagi sono incoraggianti. Ci sono evidenze che dimostrano come le misure di contenimento attuate stanno funzionando. Proprio per questo non possiamo vanificare gli sforzi fin qui compiuti. Se noi cedessimo ora, potremmo perdere tutti i risultati positivi ottenuti. Sarebbe una grande frustrazione per tutti e saremmo costretti a ricominciare da capo".
 
Così il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in conferenza stampa a Palazzo Chigi lo scorso 10 aprile annunciando il nuovo Dpcm che estende il lockdown fino al prossimo 3 maggio.
 
" Siamo tutti impazienti di ripartire. L'auspicio è che dopo il 3 maggio lo si possa fare con cautela e con qualche gradualità - ha spiegato il premier -. Dipenderà tutto dal nostro comportamento".
 
"La proroga che disponiamo con questo nuovo Dpcm vale anche per le attività produttive - ha aggiunto Conte -. Continuiamo a mettere la tutela della salute al primo posto, ma proviamo a ponderare tutti gli interessi in campo. Ci sta infatti molto a cuore anche la tenuta del nostro tessuto produttivo. L'obiettivo è allentare il prima possibile le misure restrittive per le attività produttive in modo da far ripartire il motore del Paese. Ma non possiamo farlo già ora. Se anche prima del 3 maggio si verificassero le condizioni, cercheremo di provvedere di conseguenza".
 
"Rispetto al testo precedente abbiamo inserito ora qualche piccola variazione: dal 14 aprile riapriranno cartolibrerie, librerie e negozi per neonati. Qualche altra attività produttiva come la silvicoltura e varie attività forestali. Il lavoro per la Fase 2 è già partito, non possiamo aspettare che virus scompaia del tutto dal nostro territorio. Superata la fase acuta, dovendo convivere con il virus. Stiamo lavorando a un programma che poggia sud ue pilastri: un protocollo di sicurezza per i luoghi di lavoro e la costituzione di un gruppo di esperti che si avvarrà di varie professionalità. Questo gruppo dialogherà con il CTS in modo da avere possibilità di modificare anche logiche dell'organizzazione del lavoro. Dobbiamo inventarci e proporre nuovi modelli organizzativi lavorativi che tengano nella dovuta considerazione anche la qualità della vita. Questo nuovo gruppo (vedi elenco) sarà presieduto da Vittorio Colao".
 
Sarà dunque l'ex amministratore delegato di Vodafone a guidare la task force composta da giuristi, economisti ed altri esperti, incaricata dal Governo di studiare le ricette per uscire dalla crisi determinata dall’emergenza Coronavirus.
 
"Già lo scorso marzo abbiamo siglato un Protocollo per sicurezza luogo, quella è la nostra Bibbia da cui ripartire. I nostri tecnici lo stanno rafforzando in modo da consentire appena possibile una ripresa in tutta sicurezza delle attività produttive. Dipenderà dal comportamento di tutti noi, dai datori di lavoro come dai comportamenti dei lavoratori, se sistema produttivo potrà riavviarsi a pieno regime in condizione di sicurezza. Dobbiamo contenere R0 al di sotto del valore 1. Non possiamo permetterci una ricrescita della curva di contagio. Dobbiamo capire anche come incentivare gli spostamenti evitando mezzi che possano creare affollamenti pericolosi", ha proseguito il premier.
  

 
Le fabbriche e negozi che potranno aprire secondo il nuovo Dpcm:
 
NEGOZI
Commercio di carta, cartone e articoli di cartoleria
Commercio al dettaglio di libri
Commercio al dettaglio di vestiti per bambini e neonati
 
FABBRICHE
Silvicoltura ed utilizzo aree forestali
Fabbricazione di radiatori e contenitori in metallo per caldaie per il riscaldamento centrale
Fabbricazione di utensileria ad azionamento manuale; parti intercambiabili per macchine utensili
Fabbricazione di imballaggi leggeri in metallo
Fabbricazione di batterie di pile e di accumulatori elettrici 
Commercio all’ingrosso di carta, cartone e articoli di cartoleria
Attività delle agenzie di lavoro temporaneo (interinale) nei limiti in cui siano espletate in relazione alle attività di cui agli allegati 1, 2 e 3 del presente decreto
Cura e manutenzione del paesaggio, con esclusione delle attività di realizzazione
Altri servizi di sostegno alle imprese limitatamente all’attività relativa alle consegne a domicilio di prodotti 

 

menu
menu