Associazione dei Ginecologi Italiani:
ospedalieri, del territorio e liberi professionisti

slider_medici.jpg
topbanner2b.jpg
topbanner3d.jpg
  • Aogoi
  • Notiziario
  • Invecchiamento e sessualità nelle donne, un’indagine UK

Invecchiamento e sessualità nelle donne, un’indagine UK

22 luglio - Un’ampia indagine condotta nel Regno Unito ha fatto emergere aspetti importanti del rapporto tra donne e sessualità nel periodo post menopausa, ancora largamente inesplorati e fonte di imbarazzo per medici e donne. 

(Reuters Health) – Con l’età le donne hanno rapporti sessuali meno frequenti e dopo la menopausa traggono meno piacere da tali rapporti. È quanto emerge da uno studio pubblicato dalla rivista Menopause e diretto da Valerie Jenkins, della Brighton and Sussex Medical School presso l’Università del Sussex nel Regno Unito.
 
Lo studio. 
I ricercatori hanno proposto un sondaggio a 24.305 donne, metà delle quali avevano 64 anni o più, e hanno scelto di concentrare la loro analisi sulle 4.418 che hanno compilato una sezione di commento in cui descrivevano le loro esperienze in modo più dettagliato. Solo il 22,5% delle donne, tra i 50 e i 75 anni, hanno dichiarato di aver avuto rapporti sessuali nel corso del mese precedente la rilevazione. L’assenza di rapporti era principalmente dovuta alla mancanza di un partner (nel 34,7% dei casi), alla disfunzione sessuale del partner o a problemi fisici e/o mentali della donna.
 
Nella sezione dedicata ai commenti le donne hanno riferito problemi legati ad esempio alla menopausa, come la secchezza vaginale, ma anche il fatto di sentirsi imbarazzate riguardo al proprio corpo o la mancanza di libido. Parlare con un medico potrebbe permettere loro di risolvere alcuni problemi, ma questo tipo di conversazioni “possono risultare difficili sia per i medici che per i pazienti”, osserva Harder. Non si parla molto del tema “sessualità e invecchiamento”, bisogna però ricordare che “l’invecchiamento in sé non è un ostacolo per una sana attività sessuale, e ci sono dei modi per conservarla”.

Secondo Harder gli operatori sanitari dovrebbero essere più proattivi nell’affrontare l’argomento con le donne, invitarle, insieme ai loro partner, “a parlare più apertamente di possibili cambiamenti e preoccupazioni associati all’invecchiamento o alla menopausa”.

Fonte: Menopause 2019

Linda Carroll

(Versione italiana per Quotidiano Sanità/Popular Science) 

 

 

menu
menu