Associazione dei Ginecologi Italiani:
ospedalieri, del territorio e liberi professionisti

slider_medici.jpg
topbanner2b.jpg
topbanner3d.jpg
  • Aogoi
  • Notiziario
  • Vaccini Covid. Ciclo completo per il 64,8% della popolazione europea. Italia all’8° posto (72,1% vaccinati)

Vaccini Covid. Ciclo completo per il 64,8% della popolazione europea. Italia all’8° posto (72,1% vaccinati)

12 novembre - Il progresso delle vaccinazioni è ancora diseguale, con quattro Paesi che riportano meno del 50% della piena diffusione della vaccinazione nella popolazione totale (Bulgaria, Croazia, Romania e Slovacchia). Sono 28 i Paesi che consigliano la vaccinazione in gravidanza, per la maggior parte con vaccini mRna dopo il primo trimestre. Tutti e 30 i Paesi raccomandano una dose aggiuntiva per diversi gruppi di popolazione. Cinque i Paesi che hanno introdotto l'obbligo per gli operatori sanitari. IL REPORT ECDC

Al 7 novembre 2021, sono state somministrate oltre 599 milioni di dosi di vaccino nell'UE, 293 milioni di persone hanno ricevuto un ciclo completo di vaccinazione primaria (30 paesi segnalati) e oltre sette milioni di persone hanno già ricevuto un ulteriore dose dopo il ciclo di vaccinazione primaria. Questi i dati illustrati oggi dall'Ecdc.
 
Dall'inizio della diffusione del vaccino Covid nell'UE nel dicembre 2020, l'assorbimento cumulativo di un ciclo completo di vaccinazione ha raggiunto il 64,8% (intervallo: 22,5-81,2%) nella popolazione totale e il 76% (intervallo: 27- 92,4%) nella popolazione adulta di età pari o superiore a 18 anni (dati aggregati di 30 paesi dichiaranti).
 
Per gli under 18 si hanno dati di 27 Paesi (tra i quali l'Italia) che indicano una percentuale media di vaccinati pari al 14,3%.
 
Complessivamente l'Italia ha vaccinato a ciclo completo (sempre al 7 novembre) il 72,1% della popolazione totale, una dato che ci pone all'8° posto in classifica dopo Portogallo e Malta (81,2), Islanda (76,5), Irlanda e Danimarca (75,7), Belgio (74,6) e Spagna (73,9).
 
Tuttavia, il ritmo dell'aumento settimanale della diffusione dei vaccini nel suo insieme sta rallentando e il progresso è diseguale tra i paesi, con quattro che riportano meno del 50% della piena diffusione della vaccinazione nella popolazione totale (Bulgaria, Croazia, Romania e Slovacchia).

Con l'espansione delle campagne vaccinali per includere anche i più giovani, l'adozione mediana della vaccinazione completa tra gli anziani di età pari o superiore a 60 anni, a partire dal 7 novembre 2021, ha raggiunto un livello ben al di sopra dell'80%, mentre è ancora in aumento tra gli adulti più giovani (65,9% in 18-24; 71,6% in 25-49; 79,6% in 50-59), così come negli adolescenti e nei bambini, con una diffusione mediana della vaccinazione completa del 14,3% tra gli individui al di sotto dei 18 anni (52,9% nei 15-17; 19,5% nel 10-14).
 
Fin dall'inizio, le vaccinazioni sono state implementate in fasi attraverso vari gruppi di priorità. I paesi inizialmente hanno dato la priorità agli anziani, ai residenti e al personale delle Rsa, agli operatori sanitari, al personale di assistenza sociale e alle persone con determinate comorbilità. Tutti i paesi dell'UE hanno quindi aperto la vaccinazione alla popolazione generale, offrendo tutti la vaccinazione a coloro di età pari o superiore a 12 anni.
 
Ventotto paesi (dei 28 che hanno risposto a questa domanda) raccomandano la vaccinazione delle donne in gravidanza, la maggior parte dei quali con vaccini mRna dopo il primo trimestre.
 
Nel giugno 2021, 16 paesi hanno esteso i tempi tra le dosi di vaccino per fornire la prima dose al maggior numero possibile di persone nei gruppi prioritari per i vaccini con un programma a due dosi. La tempistica tra la prima e la seconda dose varia in base al paese e al prodotto vaccinale. A settembre 2021, sette paesi, tra quelli che avevano precedentemente esteso i tempi tra le dosi, hanno ridotto l'intervallo tra le dosi per alcuni prodotti vaccinali per accelerare l'adozione della vaccinazione completa, soprattutto nel contesto dell'aumento della circolazione della variante Delta.
 
Ventuno paesi raccomandano prodotti vaccinali specifici per il Covid per specifici gruppi di popolazione. L'adattamento si basa principalmente su raccomandazioni specifiche per età sia per il vaccino Vaxzevria (AstraZeneca) che per il vaccino Janssen (Johnson & Johnson).
 
Tutti e 30 i paesi raccomandano una dose aggiuntiva come estensione della serie primaria per quelli con sistema immunitario indebolito e una dose di richiamo per diversi gruppi di popolazione per migliorare la protezione negli individui per i quali l'immunità può diminuire dopo aver completato il programma primario. Otto paesi incorporano la dose di richiamo nella campagna annuale di vaccinazione contro l'influenza stagionale e otto paesi non includeranno i due vaccini, mentre per sei paesi questo è ancora in discussione.
 
Ventidue paesi stanno somministrando un programma primario eterologo di dosi di vaccino in circostanze specifiche, con sette paesi che raccomandano abitualmente un vaccino mRna come seconda dose dopo una prima dose di Vaxzevria (AstraZeneca).
 
La maggior parte dei paesi non ha in vigore la vaccinazione obbligatoria. Solo cinque paesi hanno la vaccinazione obbligatoria in atto per gli operatori sanitari e/o i lavoratori nelle strutture di assistenza a lungo termine.
 
Con la diffusione della vaccinazione che si sta stabilizzando e con alcuni paesi in ritardo nell'aumento della diffusione, molti paesi stanno ora cercando di raggiungere quei gruppi di popolazione che hanno ancora una bassa diffusione, come i gruppi meno serviti e vulnerabili e i giovani.
 
I paesi stanno utilizzando una serie di strategie per incoraggiare l'accettazione del vaccino e affrontare l'esitazione o la diffusione del vaccino. Questi includono misure come: team mobili  di vaccinazione; strategie di comunicazione mirate; iniziative di sensibilizzazione e partnership intersettoriali per interventi basati sulla comunità. Alcuni paesi hanno anche introdotto incentivi per essere vaccinati, mentre altri hanno la vaccinazione obbligatoria per gli operatori sanitari.
 
L'Ecdc ha poi sondato la percentuale di no vax in alcuni Paesi (Italia non è presente nel sondaggio) che vede Paesi come la Polonia e la Slovenia con un range tra il 20 e il 60% della popolazione che dichiara che non si vaccinerà mai.
 

"Aumentare la diffusione della vaccinazione e garantire che tutti gli individui idonei siano completamente vaccinati, in particolare quelli a più alto rischio di malattie gravi, continua a essere la massima priorità in questa fase del lancio della vaccinazione nell'UE. Il lancio delle campagne di vaccinazione nazionali è un processo in continuo movimento e questo rapporto fornisce un'istantanea dei progressi fino ad oggi", conclude l'Ecdc.

 

 

menu
menu