Associazione dei Ginecologi Italiani:
ospedalieri, del territorio e liberi professionisti

slider_medici.jpg
topbanner2b.jpg
topbanner3d.jpg
  • Aogoi
  • Notiziario
  • Oms. Il tumore al seno supera quello al polmone come neoplasia più comune

Oms. Il tumore al seno supera quello al polmone come neoplasia più comune

6 febbraio - Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, dopo due decenni il tumore del polmone perde il triste primato di neoplasia più diffusa. Ora è il tumore al seno la patologia oncologica più comune. Lo scorso anno sono stati diagnosticati circa 2,3 milioni di nuovi casi di tumore al seno, l’11,7% di tutti i nuovi casi di cancro.

(Reuters) – L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato che il tumore al seno ha superato quello al polmone come patologia oncologica più comune, giacché rappresenta circa il 12% dei nuovi casi all’anno di tumore in tutto il mondo. “Ora il tumore al seno costituisce la neoplasia più diffusa a livello globale”, dice Andre Ilbawi, specialista di tumori presso l’OMS, alla vigilia della Giornata mondiale contro il cancro, che si terrà giovedì 4 febbraio.

Quello del polmone è stato il tumore più comune negli ultimi due decenni, ma ora è al secondo posto davanti al cancro colorettale, la terza forma tumorale più diffusa. Lo scorso anno sono stati diagnosticati circa 2,3 milioni di nuovi casi di tumore al seno, l’11,7% di tutti i nuovi casi di cancro.

Ilbawi osserva che nelle donne l’obesità è un fattore di rischio comune per tumore al seno e sta facendo aumentare i casi di cancro in generale. Mentre la popolazione mondiale cresce e l’aspettativa di vita aumenta, si prevede che il cancro diventi sempre più comune, arrivando a circa 30 milioni di nuovi casi all’anno nel 2040 dai 19,3 milioni del 2020, aggiunge Ilbawi.

Per l’OMS un terzo dei decessi per cancro sono dovuti a uso di tabacco, indice di massa corporea elevato, scarso consumo di frutta e verdura, mancanza di attività fisica e abuso di alcool.

La prevenzione e la terapia delle patologie oncologiche deve fare i conti anche con la pandemia – ricorda Ilbawi – con conseguenze pesanti su diagnosi, ricerca e stress per gli operatori sanitari.

Fonte: Reuters Health News

(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

 

 

menu
menu