Associazione dei Ginecologi Italiani:
ospedalieri, del territorio e liberi professionisti

slider_medici.jpg
topbanner2b.jpg
topbanner3d.jpg

2020

 

Editoriale

BenEssere tutto al femminile

Ed eccoci arrivate al secondo anno di BenEssere Donna!
Purtroppo questa buona notizia avviene in un momento drammatico per l'Italia e per il mondo intero. La pandemia da Covid-19 ha sconvolto completamente le nostre vite, le nostre abitudini e ci ha fatto piombare di colpo in una emergenza di dimensioni enormi.

Oltre agli articoli che già avevamo preparato ci è sembrato indispensabile aggiungere qualche informazione su questo argomento. Lo sappiamo che tutti ne parlano, tutti ne scrivono e siamo sommersi da dati, numeri, statistiche ma abbiamo deciso di mettere qualche articolo per dare informazioni utili e pratiche. Uno per fornire qualche informazione essenziale, uno per cercare di rispondere alle domande più frequenti che le donne in gravidanza si pongono e uno fare una riflessione più ampia su ciò che la malattia infettiva, in questo caso la COVID-19, porta con sé. In questi giorni poi ho riletto, poche pagine alla volta, il capitolo 31 dei Promessi Sposi che è quello relativo alla peste a Milano. Devo dire che sono passati secoli ma le reazioni dei personaggi di potere, della gente, la persecuzione degli untori, l'opera dei cappuccini nel lazzaretto descritte da Alessandro Manzoni mi sembrano le stesse osservate in questi giorni.

Ma non ci siamo fatti fermare dal virus SARS-Cov-2, abbiamo mantenuto gran parte degli articoli che avevamo preparato.

In questo numero parliamo di disturbi vaginali, di vitamina D, di un contraccettivo poco conosciuto ma molto efficace, l'impianto sottocutaneo e molto altro.

Spero che anche stavolta la rivista sia di vostro gradimento e soprattutto spero che nel prossimo numero potremo andare oltre.

Questa terribile esperienza, una volta superata, non deve essere dimenticata ma dovremo ricordarci e fare tesoro di quanto abbiamo sperimentato, imparato, condiviso in questi momenti difficili. per esempio dovremo ricordarci che la Sanità italiana, i nostri ospedali, i nostri ambulatori funzionano e funzionano molto bene; che i nostri medici, ostetriche, infermieri hanno dato l'anima, e purtroppo alcuni anche la vita, per assistere chi di noi stava male.

Un abbraccio virtuale a tutte/i

Elsa Viora, Presidente AOGOI

 

​Scarica il pdf »

 

 

menu
menu