Associazione dei Ginecologi Italiani:
ospedalieri, del territorio e liberi professionisti

slider_medici.jpg
topbanner2b.jpg
topbanner3d.jpg
  • Aogoi
  • Notiziario
  • Settimana europea vaccinazioni. Rasi (Ema): “Il movimento anti-vaccini è una delle prime dieci minacce per la salute globale”

Settimana europea vaccinazioni. Rasi (Ema): “Il movimento anti-vaccini è una delle prime dieci minacce per la salute globale”

2 maggio - Questo movimento ha già causato un pesante tributo alla salute pubblica in tutto il mondo, causando epidemie di malattie prevenibili dai vaccini che hanno portato alla morte, soprattutto tra i bambini. In ogni caso il grande successo per la salute pubblica dei vaccini non significa che noi regolatori smetteremo mai di essere vigili. Il monitoraggio continuo, la raccolta e l'analisi degli effetti collaterali sono fondamentali per mantenere i vaccini al sicuro. 

Le malattie prevenibili con i vaccini stanno tornando in Europa. Prendiamo l'esempio del morbillo, una malattia potenzialmente mortale.
 
Solo da luglio 2017 a giugno 2018 sono stati segnalati oltre 13.000 casi di morbillo in 29 paesi dello Spazio economico europeo. Tra questi, il 30% erano bambini di età inferiore ai cinque anni.
 
Il morbillo è una malattia altamente contagiosa che può portare a gravi complicazioni come cecità, encefalite (un'infezione che causa gonfiore al cervello) o gravi infezioni respiratorie come la polmonite. Si stima che per ogni 1.000 bambini che contraggono la malattia, tra uno e tre possa morire. La vaccinazione può impedire ai bambini di contrarre il morbillo, ma sempre più bambini non sono protetti perché i loro genitori rifiutano o ritardano i colpi salvavita.
 
Secondo l' Organizzazione Mondiale della Sanità, il movimento anti-vaccini è attualmente una delle prime dieci minacce per la salute globale. Questo movimento ha già causato un pesante tributo alla salute pubblica in tutto il mondo, causando epidemie di malattie prevenibili dai vaccini che hanno portato alla morte, soprattutto tra i bambini.
 
Ho sentito questa domanda molte volte: "Se coloro che mi circondano sono vaccinati, perché ti importa se rifiuto l'immunizzazione per me o mio figlio?". Voglio ricordare a tutti che in ogni comunità c'è una minoranza vulnerabile - i giovanissimi, gli anziani e le persone con malattie croniche - che non possono essere vaccinati. Il tuo bambino appena nato, il tuo nonno, il tuo vicino o amico potrebbe essere una di quelle persone vulnerabili.
 
In una certa misura, posso capire da dove vengono questi genitori: sono stati bombardati da informazioni contraddittorie. I social media sono pieni di falsi esperti e teorie cospirative e può essere difficile distinguere informazioni false o inaffidabili da fatti forti e scientificamente fondati. 
 
Colgo l'occasione per ricordarti alcuni fatti:
- grazie alla vaccinazione, il vaiolo è stato spazzato via e la poliomielite è stata ridotta del 99% dal 1988;
 
- tra il 2000 e il 2017, la vaccinazione contro il morbillo ha prevenuto 21,1 milioni di morti;
 
- la vaccinazione contro il papillomavirus umano (HPV) può prevenire fino al 90% dei casi di cancro cervicale. Un recente studio in quasi 140.000 donne in Scozia che hanno ricevuto il vaccino HPV da giovani adolescenti ha mostrato una drastica riduzione della malattia cervicale pre-invasiva, un precursore del cancro cervicale.
 
Il grande successo per la salute pubblica dei vaccini non significa che noi regolatori smetteremo mai di essere vigili. Il monitoraggio continuo, la raccolta e l'analisi degli effetti collaterali sono fondamentali per mantenere i vaccini al sicuro.
 
Potremmo aver bisogno di fare un passo indietro. Invece di andare a cercare la verità su internet, guardiamo e ascoltiamo i nostri "eroi dei vaccini": pediatri e infermieri che, dopo aver trattato migliaia di pazienti, compresi i bambini, si sentono a proprio agio nel consigliare l'immunizzazione; scienziati che trascorrono migliaia di ore a sviluppare e testare i vaccini, quindi sono efficaci e sicuri; genitori e pazienti che sono diventati appassionati sostenitori della vaccinazione.
 


Giuseppe Rasi
Direttore esecutivo dell’Agenzia europea del farmaco (Ema)
 
Fonte: Ema

 

 

menu
menu