Associazione dei Ginecologi Italiani:
ospedalieri, del territorio e liberi professionisti

slider_medici.jpg
topbanner2b.jpg
topbanner3d.jpg
  • Aogoi
  • Notiziario
  • UE. Su 100 lavoratori della sanità, il 77,8% è donna. In Italia ci si ferma al 69,9%

UE. Su 100 lavoratori della sanità, il 77,8% è donna. In Italia ci si ferma al 69,9%

13 marzo - I dati raccolti da Eurostat. In tutto sono 14,3 milioni gli addetti al settore sanitario che lavorano nei 27 Paesi UE. E di questi 11,1 milioni sono donne. In Italia gli addetti maschi sono 525mila e le donne 1,3 milioni per un totale di oltre 1,7 milioni di addetti. In Italia il 43,5% degli addetti ha più di 50 anni.

Nel terzo trimestre del 2020, 14,3 milioni di persone di età pari o superiore a 15 anni erano impiegate in occupazioni sanitarie nell'UE, rappresentando oltre il 7% delle persone occupate e quasi il 4% delle persone di età pari o superiore a 15 anni.
 
Questi lavori sanitari includono medici (1,8 milioni), infermieri, ostetriche e loro collaboratori (4,4 milioni, di cui 2,7 milioni sono associati), operatori sanitari (3,9 milioni), altri professionisti sanitari e associati (4,1 milioni). Nell'ultimo anno, questi lavoratori sono stati in prima linea nella risposta del COVID-19.

 

Guardando il loro profilo di età, gli operatori sanitari di età compresa tra 35 e 49 anni e quelli di 50 anni o più erano rappresentati in modo simile, con entrambi i gruppi di età che rappresentano oltre un terzo delle persone (36%) in queste professioni.
 
Nella maggioranza (16 su 26) degli Stati membri dell'UE con dati disponibili, la quota maggiore di operatori sanitari era di età compresa tra 35 e 49 anni, con la quota più alta segnalata in Romania (47%), seguita da Ungheria e Repubblica Ceca (entrambe il 43%).
 
Per l’Italia la suddivisione per età è la seguente: il 18,9% tra i 15 e i 34 anni; il 37,5% tra i 35 e i 49 anni; il 43,5% dai 50 in su.
 
L’Italia figura quindi tra i 9 Stati membri dell'UE, dove le persone di età superiore ai 50 anni rappresentano la quota maggiore di operatori sanitari, mentre in un solo Stato membro dell'UE gli operatori sanitari di età compresa tra 15 e 34 anni rappresentavano la quota maggiore: Lussemburgo (43%).
 

Riflettori puntati sulle donne in prima linea di COVID-19
Nel terzo trimestre del 2020, la stragrande maggioranza degli operatori sanitari nell'UE erano donne (78%). Negli Stati membri dell'UE, questa quota varia dal 61% in Grecia a oltre il 90% in Estonia e Lettonia.
Per l’Italia la quota di donne si situa al 69,9%.
 
Per le donne nell'UE, le occupazioni sanitarie rappresentavano il 12% della loro occupazione totale nel terzo trimestre del 2020.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

menu
menu