Associazione dei Ginecologi Italiani:
ospedalieri, del territorio e liberi professionisti

slider_medici.jpg
topbanner2b.jpg
topbanner3d.jpg
  • Aogoi
  • Notiziario
  • Antibiotici. Complice la pandemia i consumi nella UE (Italia compresa) scendono del 15%. Ma l’antibiotico resistenza resta un problema diffuso che uccide ogni anno 33 mila persone all’anno. Il nuovo rapporto dell’Ecdc

Antibiotici. Complice la pandemia i consumi nella UE (Italia compresa) scendono del 15%. Ma l’antibiotico resistenza resta un problema diffuso che uccide ogni anno 33 mila persone all’anno. Il nuovo rapporto dell’Ecdc

19 novembre - Il carico sanitario della resistenza antimicrobica è paragonabile a quello dell'influenza, della tubercolosi e dell'HIV/AIDS messi insieme. Il Centro europeo per il controllo delle malattie: “La diminuzione del consumo di antibiotici si è verificata principalmente nel settore delle cure primarie e può essere il risultato di una diminuzione del numero di visite di assistenza primaria, sia a causa della esitazione a cercare assistenza sanitaria per infezioni lievi autolimitanti”. Consumi in discesa anche in Italia anche se restiamo tra gli stati che ne usano di più. IL REPORT

Gli ultimi dati del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) mostrano una diminuzione del consumo totale di antibiotici nell'uomo di oltre il 15% tra il 2019 e il 2020. Ciò è stato osservato nella maggior parte dei paesi dell'UE/SEE, principalmente nelle cure primarie. , e molto probabilmente a causa della pandemia di COVID-19. Tuttavia, i livelli di resistenza antimicrobica (AMR) rimangono elevati per diverse importanti combinazioni di specie batteriche e gruppi antimicrobici, con le percentuali più elevate generalmente riportate dai paesi del sud e dell'est dell'Europa.
 
"La resistenza antimicrobica rimane una seria sfida a livello globale", ha affermato Stella Kyriakides, commissario europeo per la salute e la sicurezza alimentare. “La resistenza antimicrobica è una pandemia silenziosa che sta accadendo qui e ora. Sebbene il consumo di antibiotici sia generalmente diminuito durante la pandemia nell'UE//SEE, dobbiamo aumentare la nostra risposta in materia di salute pubblica. Nell'UE stiamo intensificando le nostre azioni e abbiamo fatto della lotta contro la resistenza antimicrobica una priorità. Ciò include azioni nell'ambito della nostra strategia farmaceutica, della legislazione sui medicinali veterinari e dei mangimi medicati e della nuova Autorità per la preparazione e la risposta alle emergenze sanitarie, HERA. Si perdono vite umane perché i farmaci non funzionano più e abbiamo bisogno di intensificare l'azione globale, urgentemente. Investire oggi in salute salva la vita domani”.
 
"Nonostante l'attenzione sulla pandemia in corso, dobbiamo continuare a impegnarci per ridurre ulteriormente l'uso non necessario di antibiotici", ha affermato Andrea Ammon, direttore dell'ECDC. “Dobbiamo anche migliorare la prevenzione delle infezioni e le pratiche di controllo negli ospedali e in altre strutture sanitarie per ridurre significativamente la diffusione di batteri resistenti agli antimicrobici. E nel settore delle cure primarie, molte infezioni possono essere prevenute attraverso la vaccinazione, l'etichetta respiratoria, il distanziamento fisico e l'igiene delle mani, contribuendo così potenzialmente a ridurre la necessità di utilizzare antibiotici".
 
La diminuzione del consumo di antibiotici si è verificata principalmente nel settore delle cure primarie e per l’Ecdc “può essere il risultato di una diminuzione del numero di visite di assistenza primaria, sia a causa della esitazione a cercare assistenza sanitaria per infezioni lievi autolimitanti, sia per difficoltà nell'ottenere un appuntamento per un consulto. Ciò ha probabilmente comportato un minor numero di prescrizioni di antibiotici per infezioni lievi e autolimitanti e ha avuto un effetto più evidente nei paesi in cui l'uso eccessivo e inappropriato era comune prima della pandemia di COVID-19. Può anche derivare dalla bassa incidenza segnalata di infezioni del tratto respiratorio non correlate a COVID-19 nell'UE/SEE nel 2020, una probabile conseguenza dei numerosi interventi non farmaceutici, ad es. distanziamento fisico, blocchi, etichetta respiratoria, uso di maschere per il viso e promozione dell'igiene delle mani, messi in atto come risposta alla pandemia”.
 
La forte diminuzione del consumo di antibiotici usati per trattare le infezioni respiratorie nella comunità nei paesi UE/SEE nel 2020 è in linea con entrambe le ipotesi. Nel settore ospedaliero si è verificata una diminuzione del consumo di antimicrobici tra il 2019 e il 2020 in circa due terzi dei paesi e un aumento nei restanti paesi UE/SEE che hanno riportato dati.
 
“Sebbene sia stata osservata una diminuzione del consumo di antibiotici nei paesi UE/SEE, i risultati preliminari della parte orientale della regione europea dell'OMS e dell'Asia centrale indicano che nel tempo l'uso di antibiotici è aumentato. Sappiamo che l'accesso agli antibiotici è una grande preoccupazione, che le vendite da banco continuano a verificarsi in alcune parti della regione europea, che gli antibiotici disponibili sono spesso quelli associati al maggior rischio di sviluppare resistenza. Il COVID-19 ci sta costringendo a combattere le minacce per la salute su più fronti, contemporaneamente. E l'AMR è tra le sfide più gravi", ha affermato il dott. Hans Henri P. Kluge, direttore regionale dell'OMS per l'Europa.
 
Per quanto riguarda i livelli di resistenza antimicrobica, più della metà dei casi isolati di Escherichia coli segnalati all'ECDC e più di un terzo di Klebsiella pneumoniae erano resistenti ad almeno un gruppo antimicrobico sotto sorveglianza ed era frequente la resistenza combinata a diversi gruppi antimicrobici. La resistenza ai carbapenemi era comune nelle specie P. aeruginosa e Acinetobacter. C'è stata anche una tendenza in aumento nella percentuale di isolati resistenti alla vancomicina di E. faecium nell'UE/SEE, che è aumentata dall'11,6% nel 2016 al 16,8% nel 2020.
 
I numeri:
Tra il 2019 e il 2020 si è verificata una diminuzione complessiva del totale medio ponderato per la popolazione UE/SEE (settore comunitario e ospedaliero insieme) consumo di antibatterici per uso sistemico (gruppo ATC J01) da 19,9 DDD per 1.000 abitanti al giorno nel 2019 a 16,4 DDD per 1.000 abitanti al giorno nel 2020. Ciò ha rappresentato una diminuzione del 17,6%. In Italia il consumo è sceso del 15% a 18,4 dosi al giorno per mille abitanti.
 
• Sul territorio, la media ponderata per la popolazione UE/SEE è diminuita da 18,3 dosi giornaliere per 1.000 abitanti del 2019 a 15 nel 2020 - una diminuzione del 18,3%.
 
• Nel settore ospedaliero, la media ponderata per la popolazione UE/SEE è diminuita da 1,64 DDD per 1 000 abitanti al giorno nel 2019 a 1,57 DDD per 1.000 abitanti al giorno nel 2020 - una diminuzione del 4,5%.
 
• A livello nazionale, la maggior parte dei paesi ha registrato una diminuzione sostanziale tra il 2019 e il 2020, per sia il settore comunitario che quello ospedaliero, anche se le diminuzioni sono state generalmente maggiori nel territorio che nel settore ospedaliero. Sette paesi (Estonia, Grecia, Ungheria, Italia, Lettonia, Malta, Portogallo) ha registrato una diminuzione del territorio, ma un aumento del settore ospedaliero. Un solo paese (Bulgaria) ha registrato un aumento sia nel settore comunitario che in quello ospedaliero.
 
I decessi dovuti all’antibiotico resistenza
L'ECDC stima che ogni anno nell'UE/SEE si verificano più di 670.000 infezioni a causa della resistenza batterica agli antibiotici e che circa 33 000 persone muoiono come conseguenza diretta di queste infezioni. Il carico sanitario della resistenza antimicrobica è paragonabile a quello dell'influenza, della tubercolosi e dell'HIV/AIDS messi insieme.

 

Antibioticoresistenza. La situazione in Italia. Il rapporto dell'Iss
Le percentuali di resistenza alle principali classi di antibiotici per gli 8 patogeni sotto sorveglianza si mantengono elevate nel 2020 anche se in qualche caso sono in diminuzione rispetto agli anni precedenti. Nell’ultimo rapporto AR-ISS, pubblicato oggi in occasione della Giornata europea degli antibiotici (European Antibiotic Awareness Day 2021) vengono presentati i risultati del 2020, anno in cui la problematica dell’antibiotico-resistenza si intreccia con la pandemia da SARS-CoV-2.
 
La percentuale di resistenza alle cefalosporine di terza generazione in Escherichia coli è in diminuzione nel 2020 (26,4%) rispetto al 2019 (30,8%), mentre un trend in calo negli ultimi sei anni (2015-2020) si osserva per gli aminoglicosidi (da 18,4% nel 2015 a 15,2% nel 2020) e i fluorochinoloni (da 44,4% nel 2015 a 37,6% nel 2020).
 
Per il secondo anno consecutivo si è riscontrato nel 2020 un aumento nella percentuale di isolati di Klebsiella pneumoniae resistenti ai carbapenemi (29,5% contro il 28,5% del 2019), dopo una lieve flessione osservata negli anni precedenti.
 
La resistenza ai carbapenemi si è confermata molto bassa in E. coli (0,5%) ma è risultata in aumento nelle specie Pseudomonas aeruginosa (15,9%) e in Acinetobacterspp. (80,8%).
 
Tra i batteri Gram-negativi, nel 2020 il 33,1% degli isolati di K. pneumoniae e il 10,0% degli isolati di E. coli sono risultati multi-resistenti (resistenti a cefalosporine di III generazione, aminoglicosidi e fluorochinoloni), entrambi questi valori sono in diminuzione rispetto agli anni precedenti; per P. aeruginosa la percentuale di resistenza a tre o più antibiotici tra piperacillina-tazobactam, ceftazidime, carbapenemi, aminoglicosidi e fluorochinoloni è risultata pari a 12,5%, anche questa in diminuzione rispetto agli anni precedenti, mentre si è osservata una percentuale di multi-resistenza (fluorochinoloni, aminoglicosidi e carbapenemi) particolarmente alta (78,8%) ed in ulteriore aumento in Acinetobacter spp.
 
Per Staphylococcus aureus, la percentuale di isolati resistenti alla meticillina (MRSA) si è mantenuta stabile, intorno al 34%, mentre continua ad osservarsi un preoccupante trend in aumento nella percentuale di isolati di Enterococcus faecium resistenti alla vancomicina, che nel 2020 è risultata pari a 23,6%.
 
Per Streptococcus pneumoniae si è osservato un lieve aumento sia della percentuale di isolati resistenti alla penicillina (13,6%) che di quelli resistentiall’eritromicina (24,5%).
 
Nelle Terapie Intensive sono state osservate percentuali di resistenza più elevate (intorno al 40%) rispetto agli altri reparti sia per K. pneumoniae resistente ai carbapenemi che per S. aureus resistente alla meticillina.

 

 

menu
menu